La Torre della Rosa d'Argento

ddd. devil & daimon 's dream
Oggi è 06/08/2020 - 07:45

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]



Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 19/12/2015 - 22:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
Articolo scritto nel luglio del 2013, per Facebook, qui lo ripropongo perchè estremamente attuale.
Quando si acquisisce un metodo di ragionamento aderente alla realtà, le previsioni diventano altamente predittive.
Purtroppo i governi di sinistra che sono al potere nel mondo, rendono vane le buone previsioni, utili ad avviare quelle riforme urgenti che possano prevenire immani disastri a livello mondiale.

L'articolo che segue, tradotto da Carpanix nel 2003, risale a oltre 20 anni fa (1992). Si riferisce agli USA, già all'epoca, in crisi di approvvigionamento idrico, degrado ambientale, ecc.

Gli USA, con una superficie - quasi un continente - di circa 9,4 milioni di kmq ed una popolazione di 318 milioni di abitanti hanno una densità di soli 34 ab/kmq. Ciò nonostante, questo paese può dirsi ai limiti di un rapporto armonico uomo/ambiente, per via dei suoi alti consumi di energia, materie prime, acqua ecc. ai primi posti nel mondo.

Nell'articolo che segue, si pone in evidenza come, in un territorio, non necessariamente una vasta superficie può assicurare risorse sufficienti per chi ci vive.

Anche nel caso di risorse abbondanti, l'inquinamento, la deforestazione, la depauperazione delle specie viventi e i cambiamenti climatici, possono determinare una qualità della vita assai bassa. Si può quindi comprendere come, a distanza di 20 anni, la situazione immigratoria ed ambientale sia peggiorata negli USA. Una caratteristica dei sistemi viventi, infatti, è quella di passare da un insieme di fattori che favoriscono la vita, ad un altro dove la vita, progressivamente, trova sempre maggiori difficoltà a mantenere quegli equilibri che ne favorirono, in passato, lo sviluppo.

Si tratta di un processo entropico che vede le risorse e l'energia calare, fino ad un punto critico, dove l'equilibio si rompe e numerose specie viventi cominciano ad estinguersi. Noi abbiamo passato quel punto, nonostante ciò continuiamo a consumare ed a popolare un pianeta sempre più coinvolto in un vortice di peggioramenti climatici e degradi irreversibili.
Tornando al rapporto tradotto da Carpanix, è necessario introdurre alcune correzioni sulla densità di popolazione, dal momento che dal 2003 ad oggi sono trascorsi 10 anni, durante i quali la popolazione è continuata a crescere. Quella italiana, grazie ai flussi immigratori, è passata da 194 ab/km a 202 del 2013. L'Italia ha una superficie di 301 mila kmq, con una popolazione di oltre 60 milioni di abitanti, ma occorre considerare che a tale superficie occorre sottrarre il 2,4% di estensione acque interne, che sale al 23% se si tiene conto dei bacini idrografici che contengono quelle acque, sui quali non si può costruire. Nonostante ciò lo si è fatto da sempre, tant'è che le alluvioni periodicamente invadono zone abitate, con danni calcolabili, al momento, in circa 4 miliardi di euro l'anno, perdita di vite umane, animali, devastazioni territoriali estese, tesori artistici perduti, che comportano ulteriori costi elevatissimi per ripararle, quando è possibile.

A ciò si aggiunge un 53% di territorio collinare e montano (vulcani compresi e territorio di rispetto - non rispettato v. Vesuvio - circostante) non abitabile, soggetto a smottamenti e frane, cresciute negli ultimi anni di cambiamenti climatici.

Per non dire poi dei terremoti, dai quali quasi nessuna zona è protetta, essendo esposta, l'Italia, proprio in direzione delle faglie provenienti dalla massa continentale dell'Africa, che si avvicina, ogni anno, schiacciando l'Italia verso l'Europa:

http://www.focus.it/scienza/scienze/1118

La densità di popolazione sale quindi a circa 800 ab/km, in rapporto al territorio effettivamente utilizzabile con sicurezza, ma la maggior parte delle città e paesi sorge su territori proibiti, che la natura periodicamente si riprende, seminando morti e disastri.

L'Italia dovrebbe essere dichiarata territorio chiuso a tutte le immigrazioni, per via delle scarse risorse, dissesto idrogeologico, inquinamento e sfruttamento eccessivo e perchè oltremodo sovrapopolata (secondo una stima ambientalista, non potrebbe contenere più di 30 milioni di ab., per me ancora troppi). Potete quindi immaginare quanto contraria al buonsenso sia l'azione di Papa Bergoglio, tesa, insieme alla Boldrini ed alla Kengie, all'eliminazione del reato di immigrazione clandestina, ergo all'apertura di ogni frontiera, per farci invadere dal surplus demografico mondiale, ponendo così le basi per le future guerre razziali ed etniche, anche in Italia. Altro che fautore di pace, quello lì!

_________________
Stiamo arrivando !
... http://www.youtube.com/watch?v=aDaUppMa ... _embedded#
....http://www.youtube.com/watch?v=tejxVvwC ... re=related


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 19/12/2015 - 22:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
PERCHÉ L’IMMIGRAZIONE ECCESSIVA DANNEGGIA L’AMBIENTE
traduzione di Carpanix

La popolazione italiana, nel corso del 2003, avrebbe potuto registrare un calo di circa 60.000 unità. A causa dell’immigrazione regolare (quella illegale, in quanto clandestina, sfugge a qualsiasi quantificazione attendibile e non è quindi compresa nel computo), il saldo demografico effettivo del 2003, così come quello del 2004, è però consistito in un incremento di oltre 570.000 unità. In sostanza, ogni due anni occorre trovare posto sul nostro già sovraffollato territorio (oltre 194 ab/kmq nel 2002) per una nuova città delle dimensioni di Torino. Le valutazioni “ufficiali” tendono ad identificare all’unisono in questo fenomeno un’opportunità per il nostro Paese.

Escludendo dall’accesso agli organi di informazione qualsiasi voce contraria, viene generata ad arte l’impressione che non esista alcun dissenso in merito. Eppure, il dissenso esiste. Ne è dimostrazione questo articolo inerente la situazione di un Paese considerato tra i più “aperti” e “ospitali”: gli Stati Uniti. Ciascuno di voi tragga dalla lettura le conclusioni che ritiene più appropriate. — Carpanix

Ci viene spesso chiesto perché BALANCE, una organizzazione che mira alla salvaguardia dell’ambiente per mezzo della stabilizzazione della popolazione, riserva una particolare enfasi al limitare l’immigrazione negli Stati Uniti. Ci viene chiesto, cosa ha a che fare la limitazione dell’immigrazione con la protezione ambientale? La risposta è: molto.

Una popolazione di dimensioni stabili è essenziale per proteggere l’ambiente
La politica dell’immigrazione negli Stati Uniti dovrebbe essere basata sul dato di fatto che una popolazione di dimensioni stabili è essenziale se vogliamo evitare un’ulteriore deterioramento del sistema che ci sostiene – il nostro ambiente e le nostre risorse naturali. Indipendentemente da quanto risparmiamo in termini di risorse, rimane un fatto fondamentale che un numero sempre maggiore di persone pesa inevitabilmente in modo crescente sul nostro ambiente naturale e sociale. Più gente significa un maggiore impiego di energia, maggiori ingorghi nel traffico, maggiore produzione di rifiuti tossici e una accresciuta tensione che risulta dal vivere in ambienti urbani sovraffollati. Per quanto efficienti possiamo essere nel nostro utilizzare le risorse e per quanto risparmiamo nel tentativo di preservare l’ambiente, più persone significano semplicemente un maggiore stress per l’ecosistema. I fenomeni dell’affollamento, la deforestazione, delle piogge acide, del riscaldamento globale e l’intera litania dei malanni ambientali degli Stati Uniti e di qualsiasi altro luogo, dimostrano ampiamente che ogni persona, per quanto punti alla conservazione, aggiunge un ulteriore carico all’ambiente.

La considerazione chiave è la capacità di carico, non l’estensione del territorio

Perché, negli Stati Uniti, non disperdiamo semplicemente la popolazione negli “ampi spazi aperti” che (sebbene sempre meno) esistono ancora in posti quali l’Alaska, l’Utah, il Nevada, il Texas, lo Wyoming, il Montana, l’Arizona e altrove? Il nostro ampio territorio non costituisce una risposta? Sfortunatamente, la risposta è un fermo: “No!”.

La chiave per comprendere questo stato di cose consiste nel fatto essenziale della “capacità di carico” – il numero di persone che possono essere mantenute in modo sostenibile da una determinata area senza degradare l’ambiente naturale, sociale, culturale e economico per le generazioni presenti e future. La capacità di carico comprende la capacità dell’ambiente naturale di fornire le risorse, il cibo, l’abbigliamento e il rifugio dei quali abbiamo bisogno, e la capacità dell’ambiente sociale di fornire una qualità della vita ragionevole. Mentre potrebbero essere scelti molti fattori (ad esempio, l’energia, le foreste, gli inquinanti) per illustrare i limiti che la capacità di carico impone alle dimensioni della popolazione, esaminare un esempio lampante, l’acqua, fornisce molto rapidamente la misura dell’importanza e dell’utilità del concetto di capacità di carico. L’ovest, il sudovest e certi stati centrali – veramente gran parte degli Stati Uniti (generalmente quelli nei quali si verifica la maggior crescita della popolazione) – sono afflitti o da carenza d’acqua o dall’inquinamento da sostanze tossiche dell’acqua. Molte zone hanno precipitazioni limitate o poche altre fonti naturali di approvvigionamento idrico, col risultato di un grave esaurimento e/o dell’inquinamento delle acque sotterranee. Dal momento che l’acqua potabile è essenziale per la vita, la capacità di carico di queste zone carenti d’acqua che possono estendersi su molti stati, è estremamente bassa per tutte le forme di vita, compresi gli umani. Inoltre, non esistono modi economicamente o energeticamente efficienti all’orizzonte per incrementare la disponibilità d’acqua. Le tecniche di desalinizzazione sono costose e richiedono troppa energia per poter essere sostenibili un mondo ove l’energia è sempre più rara. E i benefici di usare tecniche di risparmio idrico, come l’irrigazione a goccia, pur essendo importanti, non sono (e, col tasso di crescita attuale della popolazione, non saranno) sufficienti a compensare la domanda di una popolazione sempre più numerosa.

Perché la dispersione della popolazione non funzionerà
Così, nonostante quello che alcuni sostengono, non possiamo disperdere la gente nelle zone relativamente poco popolate, molto semplicemente perché in quelle aree la capacità di carico non è sufficiente. Progetti costosi per portare l’acqua in quelle o in altre zone nelle quali la popolazione sempre più numerosa sta sfruttando eccessivamente e/o inquinando le riserve d’acqua, serve solo a ridurre la capacità di carico delle aree dalle quali l’acqua viene prelevata. Inoltre, nel lungo periodo, consente alle zone che ricevono quell’acqua di essere ancora una volta sovraccaricate da un numero sempre crescente di persone. Le regioni del Paese che già ora stanno esaurendo i propri corpi acquiferi sotterranei ad una velocità di molto superiore alla loro velocità di ripristino, in termini di capacità di carico sono già sovrappopolate. Sebbene misure di emergenza e piogge insolitamente abbondanti possano migliorare la situazione per qualche tempo, col continuo crescere della popolazione tali metodi di approccio non sono sostenibili sul lungo periodo. In effetti, in molti Stati della costa occidentale, specialmente in Florida, l’inquinamento generato dalla fitta popolazione sta già distruggendo permanentemente i corpi acquiferi sotterranei. Si può forse acquisire una migliore comprensione del problema della capacità di carico immaginando che le cause dei problemi stiano essenzialmente in una sovrabbondanza di popolazione piuttosto che in una carenza d’acqua. In effetti, la lista dei fattori della capacità di carico che limitano l’abbondanza di popolazione e che da questa sono influenzati è ampio e comprende l’energia, il terreno agricolo, le foreste, gli spazi aperti, nonché la pace e la quiete, solo per nominarne alcuni.

La questione è abbastanza semplice: più gente richiede una maggiore quantità delle sempre più rare risorse e, nell’usarle, genera più inquinamento. L’estinzione delle specie e la conseguente perdita di biodiversità, le piogge acide e la deforestazione delle Tongass e di altre foreste nazionali, sono tra i segnali che la crescita della popolazione degli Stati Uniti e del mondo sta spingendo l’ambiente oltre le sue possibilità di sostenere una qualità della vita desiderabile.

La minaccia ambientale definitiva: la sovrappopolazione
Un risultato della sovrappopolazione, quindi, è l’esaurimento delle risorse e il degrado dell’ambiente fino al punto in cui un’area perde parte della sua capacità di sostenere una certa popolazione in futuro. Quando la capacità di carico viene superata, il danno ambientale è solitamente così grave che la capacità di carico per le generazioni future ne risulta molto compromessa. Questa catena di eventi non vale solo per la foresta pluviale dell’Amazzonia, o per l’America Centrale, o per il Bangladesh, o per il Nepal deforestato. Vale anche per molte zone degli Stati Uniti – e per gli Stati Uniti nel loro complesso. Nella California del Sud, per esempio, quantità d’acqua potabile importata assolutamente limitate stanno diventando sempre più preziose e c’è una pressione sempre più forte per la costruzione di acquedotti sempre più numerosi per apportare acqua da distanze sempre maggiori. La maggioranza della gente, bloccata nella rete in attesa della pioggia, sta cominciando a percepire i limiti assoluti imposti alla popolazione dalla capacità di carico di quelle zone. È particolarmente importante per gli Stati Uniti fermare la crescita della popolazione poiché, mentre contengono solo il 5% circa della popolazione del mondo, essi usano una quantità sproporzionatamente grande delle risorse mondiali (ad esempio, circa il 25% dei suoi combustibili fossili) e producono oltre il 25% della CO2 globale, che contribuisce all’effetto serra. Quindi, fermare la crescita della popolazione negli Stati Uniti è essenziale se vogliamo proteggere l’ambiente tanto degli Stati Uniti quanto del mondo nel suo insieme.

La capacità di carico nei confronti della popolazione è negativamente influenzata dall’eccessiva immigrazione
La popolazione degli Stati Uniti cresce di 3 milioni di persone all’anno. Dal momento che l’immigrazione dagli Stati esteri provoca il 50% della crescita della popolazione statunitenze (e oltre il 60% della crescita della popolazione in Stati quali la California e la Florida) e dal momento che anche gli Stati Uniti hanno una capacità di carico limitata, l’immigrazione eccessiva dà luogo ad una significativa minaccia ambientale.

Globalmente, una risposta comune ai problemi derivanti dal superamento della capacità di carico consiste nella migrazione verso aree dove la capacità di carico stessa non è ancora stata spinta al limite o dove viene percepita come ancora in grado di fornire delle opportunità. Gran parte dell’immigrazione degli Stati Uniti è alimentata da questa percezione, ma gli Stati Uniti non hanno risorse infinite. Poiché la popolazione mondiale sta crescendo ad un ritmo allarmante – circa un miliardo di persone ogni 11 anni – questa pressione può solo aumentare. Il problema è che tale migrazione non solo minaccia la capacità di carico dei Paesi di destinazione, ma nei Paesi di partenza crea anche la pericolosa illusione che la crescita continua della popolazione costituisca una scelta accettabile. Si possono citare numerosi altri esempi presenti e storici di popolazioni che, in parte a causa di questa falsa percezione, eccedono la capacità di carico dell’ambiente. Il risultato è quasi sempre una accresciuta pressione migratoria, insieme alle altre componenti della sovrappopolazione: danni ambientali, disoccupazione e disgregazione sociale. Per esempio, l’introduzione della patata nell’Irlanda del XVIII secolo aumentò la produttività dei terreni e incoraggiò nuove stime di quanta gente una determinata porzione di terreno avrebbe potuto mantenere. Questo fornì un “incentivo” ad allargare le dimensioni delle famiglie. Però, non si lasciò spazio per una ulteriore crescita, né per una situazione di scarsità alimentare derivante da raccolti meno che ottimali. Il risultato (di quello che può essere inteso come un “eccesso” di gente o una “carenza” di cibo, a seconda di come uno la vuole vedere) fu la carestia irlandese della patata.

Le popolazionni cercano di lasciare i Paesi nei quali hanno superato la capacità di carico. Oggi, la pressione da ogni continente continua a crescere – la popolazione aumenta di 93 milioni di persone all’anno! Molti sono già arrivati negli Stati Uniti, ma nessuna regione, Stati Uniti compresi, ha la capacità di assorbire tutti coloro che vorrebbero migrare. È doppiamente negativo, quindi, che la percezione di una opportunità negli Stati Uniti agisca come disincentivo per i Paesi sovrappopolati ad affrontare e cominciare a correggere i problemi di sovrappopolazione in patria. Per questo, consentire troppa immigrazione dà luogo ad una minaccia ambientale e contemporaneamente manda un segnale fuorviante. Forse tutti i Paesi dovrebbero prendere in considerazione la limitazione dell’immigrazione entro livelli compatibili con la propria capacità di carico, per proteggere più efficacemente l’ambiente. Non frenare l’immigrazione che eccede la capacità di carico di un territorio ignora i limiti tanto dei Paesi di partenza quanto di quelli di arrivo. Questa mancanza di considerazione rappresenta una seria minaccia all’ambiente di tutti i Paesi coinvolti.

Limitare l’immigrazione in eccesso è eticamente giusto e ambientalmente sicuro

La gente che emigra crea sempre dilemmi morali, dal momento che è naturale sentirsene coinvolti. Però, la domanda pratica e morale è cosa fare di coloro che desiderano spostarsi in aree, come gli Stati Uniti, che sono percepite, a torto, come in grado di fornire opportunità e risorse virtualmente illimitate. Nel nostro caso, siamo costretti a considerare con cura se consentire un’immigrazione continua o crescente costituisca un beneficio o un danno per gli Stati Uniti, per gli immigranti stessi e per i Paesi dai quali essi provengono.

In aggiunta alla capacità di carico dell’ambiente naturale della quale abbiamo già discusso, sono importanti anche una quantità di fattori legati alla capacità di carico sociale ed economica. La maggior parte di coloro che migrano negli Stati Uniti sono poveri e solo parzialmente specializzati o totalmente non specializzati. Il fatto è che essi competono con i nostri stessi poveri, disoccupati e senza tetto per la casa, l’impiego e le opportunità. Non è onesto, nei confronti dei nostri stessi poveri e disoccupati, aumentare la competizione quando non abbiamo risorse naturali e sociali illimitate né risorse o lavori o quantità di denato illimitati. L’idea di un’abbondanza illimitata che hanno molti all’estero e che ha qualcuno in America è, nei fatti, un mito abbondantemente smentito dai nostri deficit economici, carenze di risorse, città sovraffollate e malesseri ambientali.

L’immigrazione eccessiva è estremamente costosa per i contribuenti americani. La salute del nostro ambiente sociale richiede che ci asteniamo dalle spese eccessive. Agli attuali livelli, però, l’immigrazione è estremamente costosa a causa della limitata capacità della nostra economia di assorbire in modo produttivo grandi quantità di nuovi arrivati non specializzati o semi-specializzati, per non parlare della gestione di concentrazioni di persone oltre i limiti della capacità di carico imposta dalla natura. Uno studio del Professore di Economia Donald L. Huddle della Rice University, stima che l’immigrazione (tanto legale quanto illegale) è costata ai contribuenti statunitensi 44,18 miliardi di dollari nel 1993, dopo avere sottratto le tasse che gli immigrati hanno pagato. Oltre il 50% di questi costi sono attribuibili all’immigrazione legale: i 12,76 milioni di immigrati legali successivi al 1970 e i 2,8 milioni di regolarizzati negli Stati Uniti sono costati ai contribuenti statunitensi 24,83 miliardi di dollari netti in assistenza pubblica e costi di sistemazione. Il livello dell’immigrazione legale negli Stati uniti è attualmente di circa un milione all’anno. Gli oltre 5 milioni di immigrati illegali, il numero dei quali cresce di circa 300.000 all’anno, sono costati nel 1993 circa 19,34 miliardi di dollari.

A meno che le leggi statunitensi e le politiche di applicazione vengano modificate, nel prossimo decennio l’immigrazione (legale ed illegale) costerà in media 60 miliari di di dollari all’anno! Anche la porzione umanitaria della nostra politica dell’immigrazione non è economica. Secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ogni 10.000 rifugiati ammessi negli Stati Uniti ricevono benefici iniziali che costano ai contribuenti 70 milioni di dollari. Ai livelli attuali di 120.000 nuovi rifugiati l’anno, i costi iniziali per i contribuenti si avvicinano agli 840 milioni di dollari!

Queste cifre non comprendono i costi aggiuntivi dell’istruzione bilingue, degli alloggiamenti, delle cure ospedaliere e di altri costi di base che vengono spesso sostenuti dallo stato e dalle amministrazioni locali e che consistono in miliardi di dollari all’anno. Inoltre, una quantità delle persone che attualmente vengono ammesse come rifugiati non hanno le caratteristiche per essere classificate come “rifugiati” – ovvero avere “un ben fondato timore di persecuzione”. Questo poiché nel 101 Congresso è stata varata una legge che sostanzialmente amplia la definizione di “rifugiato” per certi cittadini sovietici, dell’Europa orientale e del sudest asiatico, in modo che possano essere ammessi molti che non soddisfano le condizioni tradizionali. In realtà, molti di coloro che vengono ammessi come rifugiati dovrebbero essere classificati in modo più appropriato come persone in fuga da ristrettezze economiche o da disastri ambientali. Mentre è naturale simpatizzare con tali persone, è discutibile che essi debbano essere definiti “rifugiati” con tutte le connotazioni di solidarietà che evoca tale termine. L’eccessiva immigrazione negli Stati Uniti è semplicemente molto costosa e rende vittime i nostri stessi poveri e disoccupati che competono per il lavoro, una casa, l’assistenza sanitaria, l’istruzione e simili. E l’immigrazione contribuisce alla crescita della popolazione, che sta minacciando i limiti della capacità di carico dell’ambiente naturale.

L’emigrazione danneggia i Paesi dai quali provengono gli immigrati

L’emigrazione non dà neppure benefici ai Paesi dai quali provengono gli immigrati. Sono spesso gli insoddisfatti politici o i diseredati economici che decidono di partire. I loro sentimenti sono comprensibili ma BALANCE crede che non dovremmo incoraggiarli a migrare. Questa gente insoddisfatta sono esattamente coloro che dovrebbero rimanere in patria poiché sono spesso i più motivati e i più adatti a correggere i problemi della loro propria società. Per esempio, che ne sarebbe stato del movimento riformista polacco se Lech Walesa avesse deciso di emigrare verso gli Stati Uniti? Sebbene la maggior parte degli immigrati negli Stati Uniti siano relativamente non specializzati, una piccola quantità di loro è invece costituita da specializzati. È onesto nei confronti degli altri Paesi consentire che l’emigrazione dei cervelli verso gli Stati Uniti continui? Il loro esodo costituisce una perdita per i Paesi d’origine. Forse ancor più importante, molti dei Paesi dai quali gli immigranti arrivano sono Paesi con tassi di crescita della popolazione molto alti e completamente insostenibili.

Molti hanno tempi di raddoppio della popolazione compresi tra i 20 e i 30 anni, grandi quantità di bambini per famiglia e una porzione molto ampia della popolazione totale alquanto giovane. Per esempio, se le tendenze attuali continuano, l’America Centrale (compreso il Messico) raddoppierà la propria popolazione fino a raggiungere i 242 milioni in soli 28 anni. Dal momento che molti in questi Paesi coltivano l’illusione che gli Stati Uniti abbiano risorse illimitate e una illimitata capacità di ricevere immigrati, e che continueranno ad accettarne grandi quantità, i governi locali non hanno alcun incentivo reale a mettere in atto i passi necessari per limitare la propria popolazione incoraggiando famiglie di dimensioni ridotte e rendendo la contraccezione più ampiamente disponibile. La conclusione che essi possono giustificatamente trarre dalla attuale politica delle “porte aperte” statunitense è che un porzione significativa del proprio “eccesso” di popolazione può sempre andare negli Stati uniti. Questa visione errata non fa altro che ritardare i loro tentativi di rallentare la crescita della propria popolazione.

Le esperienze degli altri Paesi dimostrano che ridurre le migrazioni comporta benefici. La Cina ha recentemente istituito regolamentazioni mirate direttamente a limitare la migrazione dalle aree rurali verso le città sovraffollate. Un importante aspetto di questa politica consiste apparentemente nell’incoraggiare gli abitanti delle aree rurali a sopportare il carico dei propri eccessivi tassi di riproduzione e nell’indurli a regolare la quantità di nati su un livello coerente con le aspettative inerenti le condizioni economiche e ambientali locali. In effetti, molti esempi attuali e storici indicano che la gente reagisce alla percezione della penuria o delle opportunità avendo rispettivamente meno o più bambini. In breve, nel consentire una eccessiva immigrazione e rifiutando così di confrontarci direttamente con il problema della capacità di carico, siamo non etici e ingiusti nei confronti della nostra stessa gente e di quanti provengono dagli altri Paesi. Mandiamo a questi Paesi un segnale sbagliato, un segnale secondo il quale la loro alta emigrazione e il loro elevato tasso di crescita della popolazione possono continuare dal momento che gli Stati Uniti provvederanno a fornire una valvola di sicurezza.

Ciò non è un bene né per gli altri Paesi né per gli Stati Uniti. Dovremmo inviare loro un altro segnale, cioè quello secondo il quale gli Stati Uniti accoglieranno una quantità di migranti strettamente limitata e che possa essere assorbita con successo nell’ambito della capacità di carico locale, ma non di più. Questa politica invierebbe il segnale corretto agli altri Paesi e, nel processo, consentirebbe a noi e a loro di proteggere l’ambiente. Ognuno limiterebbe la crescita della propria popolazione, così che ognuno sarebbe in grado di aiutare i propri poveri e disoccupati.

Quanta immigrazione è “eccessiva”?

Date queste considerazioni, quanta immigrazione è eccessiva? Rispondere a questa domanda richiede di considerare quali siano le dimensioni della popolazione “ideale” per gli Stati Uniti, data la capacità di carico locale. Dare risposte precise è difficile, ma una osservazione onesta e il buon senso suggeriscono che in base alla capacità di carico, gli Stati Uniti potrebbero essere già sovrappopolati, tenendo conto di tutto. Le prove della sovrappopolazione sono ampie, e comprendono la carenza d’acqua, l’inquinamento eccessivo, le grandi pressioni che indirizzano al taglio di sempre maggiori quantità di legname nelle nostre foreste nazionali, la sempre minore estensione degli habitat selvaggi, l’asfaltatura di oltre 1,5 milioni di acri di terreno agricolo all’anno [607.030,95 ettari – N.d.T.], il sovraffollamento delle aree per lo svago, l’affollamento delle città, l’impossibilità di fornire e mantenere infrastrutture adeguate per quanto riguarda la scuola, le strade e altri impianti. Tutto ciò e altro ancora mette in evidenza il fatto che la popolazione degli Stati Uniti può avere già superato la capacità di carico ottimale. Dopo tutto, dobbiamo mettere nuovamente in risalto che un territorio libero o abitato in modo sparso non significa necessariamente ulteriore capacità di carico.

Per proteggere l’ambiente dobbiamo raggiungere una immigrazione al livello “di sostituzione” Quindi, BALANCE crede che, per salvaguardare la capacità di carico del nostro territorio e mantenere la nostra qualità della vita, la strada da intraprendere con maggiore urgenza consista nello stabilizzare al più presto possibile la popolazione. Sebbene il nostro tasso di fecondità totale sia prossimo al livello di sostituzione, la nostra popolazione continuerà a crescere per diversi decenni, a causa della grande quantità di donne della generazione del baby boom attualmente in età riproduttiva (questo fenomeno è conosciuto come “inerzia della popolazione”). Di conseguenza, l’immigrazione proveniente dagli altri Paesi costituisce la variabile cruciale per i nostri sforzi tesi a stabilizzare la popolazione americana. Insomma, il raggiungimento della stabilizzazione della popolazione deve comprendere la riduzione dell’immigrazione negli Stati Uniti dal livello attuale (oltre 1.000.000 di immigrati legali certi e altri 300.000 immigrati illegali stimati ogni anno) a una immigrazione a un livello “di sostituzione” che affianchi una fecondità analogamente al livello “di sostituzione”. Dovremmo stabilire un tetto all’immigrazione non superiore alle 200.000 unità, poiché circa 200.000 persone lasciano volontariamente gli Stati Uniti ogni anno. Bilanciare immigrazione ed emigrazione sarà funzionale per bilanciare la popolazione statunitense con l’ambiente.

[Nel valutare l’entità di questa cifra, si tenga presente che gli Stati Uniti hanno una popolazione che supera i 270.000.000 di abitanti; secondo un calcolo strettamente aritmetico, tale quota rapportata all’Italia dovrebbe essere di circa 43.000 unità; cionondimeno, occorrerebbe tenere conto del fatto che l’Italia ha una densità di popolazione e un grado di sfruttamento del territorio già ben maggiore di quello statunitense, per cui tale quota dovrebbe essere ulteriormente ridimensionata, nel condurre il paragone – N.d.T.]

Un tetto complessivo di 200.000 immigrati all’anno renderebbe possibile una protezione ambientale a lungo termine
Questo tetto all’immigrazione dovrebbe essere un tetto complessivo. Cioè dovrebbe comprendere i rifugiati, coloro che godono di diritto di asilo, i parenti e tutti gli altri immigrati. Qualunque cosa meno rigorosa di un tetto complessivo rischierebbe di rivelarsi discriminante nei confronti di certi gruppi di persone, minerebbe slealmente il principio di immigrazione al livello “di sostituzione” e renderebbe irraggiungibile il nostro obiettivo di ottenere una popolazione stabile nei limiti della capacità di carico. Mentre BALANCE è preoccupata principalmente dalle quantità, varrebbero certe altre considerazioni a proposito di chi dovrebbe essere ammesso entro i limiti di questo tetto. BALANCE crede che una politica di immigrazione responsabile ammetterebbe alcuni individui a rischio di imminente persecuzione (rifugiati e coloro che godono del diritto di asilo), alcuni lavoratori specializzati e i parenti stretti dei cittadini statunitensi. Ciascuna di queste categorie dovrebbe essere ammessa, ma solo fino a che il totale degli immigrati non ecceda il tetto “di sostituzione” dei 200.000 all’anno. Dobbiamo prendere coscienza, e gli altri devono riconoscere, che gli Stati Uniti non possono semplicemente accogliere tutti coloro che vogliono entrare in questo Paese. Dobbiamo essere onesti con noi stessi e con gli altri, essendo realistici. Dobbiamo mettere in atto una politica dell’immigrazione responsabile. Questo richiede che noi si agisca ora per fermare l’immigrazione illegale e per limitare quella legale entro il livello “di sostituzione”, cioè 200.000 persone all’anno. Quei 200.000 posti dovrebbero essere individuati secondo il miglior interesse degli Stati Uniti come determinato dal Congresso e dagli Americani.

Crediamo che la pietra angolare delle nostre politiche ambientali e dell’immigrazione debba essere la stabilizzazione della popolazione.In breve, la sovrappopolazione è la minaccia definitiva per l’ambiente e l’immigrazione è la componente critica della nostra rapida crescita della popolazione, che è la più elevata nel mondo industrializzato. Dobbiamo a noi stessi, ai nostri poveri, ai nostri senza tetto e agli altri Paesi l’agire ora per limitare l’immigrazione verso questo Paese entro il livello “di sostituzione”, allo scopo di proteggere il nostro ambiente e di salvaguardare la nostra capacità di carico a lungo termine. Lavorando per stabilizzare la popolazione in primo luogo negli Stati Uniti, possiamo mandare agli altri Paesi un segnale che dica che la nostra capacità di assorbire immigrati ha dei limiti. Possiamo diventare un modello di stabilizzazione della popolazione per gli altri, in modo da potere lavorare ciascuno per la salvaguardia della propria capacità di carico e quindi della capacità di carico del pianeta.

Numero 27a, Giugno 1992 Population-Environment Balance,2000 P St., NW,Suite 210, Washington DC 20036, Fax: (202) 955-6161,e-mail: balance@igc.apc.org.

Traduzione di Carpanix

La versione originale inglese è disponibile su http://www.dieoff.org

mio epilogo al 9 luglio del 2013:
Il rapporto riguarda gli USA ma le considerazioni in esso contenute si applicano invariate al caso dell’Italia, anzi, potremmo dire che in questo paese sovrappopolato e privo di risorse la situazione è ancor più drammatica.

L’azione della triade nefasta: Bergoglio, Boldrini, Kengie, è tale da far precipitare la situazione, poichè le risorse disponibili sono allo stremo, insufficienti per gli stessi italiani. Decine di miliardi di euro abbandonano l’Italia ogni anno, come rimesse degli immigrati all’estero, mentre una disoccupazione crescente chiede che quei lavori dei quali gli immigrati si sono impossessati tornino agli italiani. Monta ogni giorno quella rabbia che potrebbe, a breve, sfociare in una rivolta. Per allontanare questi rischi, occorre pianificare un rientro di massa, ma graduale, degli immigrati nei paesi di provenienza, fornendo loro i mezzi per il controllo demografico delle loro popolazioni, che allontani in futuro la necessità di emigrare, riferendomi essenzialmente a quella immigrazione dai paesi più popolosi.

Nota al 12/2015:

Nulla è stato fatto in questi due anni per bloccare le immigrazioni ed avviare un programma di limitazione demografica nel terzo mondo.

Dal giugno del ’92, data di pubblicazione del rapporto, sono passati 23 anni e la situazione si è aggravata, per l’Italia particolarmente in questi due ultimi anni. Si sono succedute diverse crisi economiche, esplosioni di “bolle”, crack finanziari, speculazioni illegali, che hanno rovinato centinaia di milioni di lavoratori e aziende, in tutto il mondo. La crisi più grave dal 2007-2008, ha di fatto bloccato la crescita in Europa e particolarmente in Italia. Non è ragionevole pensare che lo sviluppo possa continuare a livello di frazioni di unità, per contro è proprio lo sviluppo la causa del depauperamento del pianeta.

I risultati della Conferenza Internazionale sul Clima di Parigi, del novembre scorso, ha sortito qualche risultato migliore che in passato, sono però solo speranze promesse che, seppure realizzato sono ancora drammaticamente insufficienti.

Non rimane che sedersi sulla riva del fiume e attendere che passi il nostro cadavere.

_________________
Stiamo arrivando !
... http://www.youtube.com/watch?v=aDaUppMa ... _embedded#
....http://www.youtube.com/watch?v=tejxVvwC ... re=related


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 20/12/2015 - 07:13 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
Quello che voi di destra, e anti-immigrazioni, non capirete mai è che i grandi movimenti migratori fanno parte della storia stessa del pianeta e, molto dopo, dell'uomo.
Non potrete mai fermarli o impedirli, così come non potete impedire la migrazione degli gnu, a meno che non passiate agli stermini, cosa che avete pure già tentato senza esito.

Leggi:

http://www.huffingtonpost.it/2015/12/19 ... mg00000001

I mostri siamo noi, non loro... quanto ci metterete prima di cominciare a rubargli nuovamente i denti d'oro?

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 24/12/2015 - 12:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 30/05/2007 - 14:25
Messaggi: 13276
Località: ...fuori dal suo cuore...
al di fuori della tendenza politica, mi permetto di far notare una situazione che si ripete da eoni...
come sapete io calpesto questo pianeta dal tempo della Terra di Gondwana...
e da sempre, il bipede terricolo implume onnivoro ha occupato ed esplorato terreni nuovi. Vai per clima, vai per spazi, vai per risorse.
Ancora oggi abbiamo, genetica direi, questa "smania" di espansione.
...o fuga...
Quello che considero insano, NON è l'opera migratoria, quanto l'uso sbagliato, economico, politico, gerarchico, che se ne fa....
pure lo sfruttamento insano delle risorse è errato, ma non è l'espansione demografica a incidere, quanto lo sfruttamento ingordo di dette risorse.
è solo il mio pensiero, nulla di che

_________________
Non vivo per qualcosa che finisce già domani.
l'amore è solo sabbia tra le mani...
..vivo al peccato, a me morendo vivo.
ווייַפאַרער
Chiunque abbia amato porta una cicatrice...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 08/01/2016 - 10:01 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
Ho letto il collegamento, tale richiesta agli immigrati è più che giustificata, perchè il carico economico derivante dall'immigrazione è notevole e serve a compensare in minima parte le spese iniziali per gli alloggi, l'assistenza sanitaria e il disagio della popolazione autoctona per immigrati comunque islamici, dei quali conosciamo la violenza religiosa, il forte potere di affermazione, l'intolleranze secolare.
E' come tenersi in casa il piccolo di un coccodrillo che in futuro ci farà a pezzi.
Chi non respinge gli immigrati islamici avrà guai in futuro.
O ti difendi allontanando l'invasore, perchè sono comunque invasori, o scomparirai.
Gheddafi è stato chiaro: non servono guerre, basta l'espansione demografica conseguente alle immigrazioni, per islamizzare l'Europa.
Arafat raccomandò alle palestinesi islamiche di fare tanti figli (la media è di otto per donna), ben sapendo che la sovrappopolazione avrebbe soffocato lo stato Israeliano, e tanto sta succedendo.
Un piccolo stato come Israele, grande quanto la Puglia, con territori desertici e 8,4 milioni di abitanti, di cui oltre un milione di palestinesi naturalizzati (il coccodrillo sotto il letto che fa attentati come poggi i piedi a terra) è soverchiato da milioni di kmq di paesi arabi circostanti, con centinaia di milioni di abitanti inferociti, che vogliono la sua distruzione.... non è che avete preso qualche svista nel proteggere i più deboli?

Allora tu dici che le migrazioni non si fermano?
Studiata bene la storia?
Le cosiddette migrazioni si chiamano invasioni ed hanno procurato guerre a non finire, terminate o con l'invasore respinto o con l'invasore che ha preso il posto dell'invaso, puntualmente trucidato.
Intanto la popolazione degli immigrati sta crescendo, avendo una natalità doppia, incrementata da ulteriori immigrazioni.
Quando gli islamici saranno maggioranza, si prevede intorno al 2050, si metteranno la nostra inefficiente, idealistica e irrealizzabile costituzione catto-comunista sotto il tacco e daranno il via alla Sharià, come hanno fatto dappertutto.
I rimanenti cristiani e di altre religioni o si convertono o verranno trucidati, secondo regola.
Se per "Non potrete mai fermarli o impedirli" intendi questo, sono d'accordo con te.
Noi con gli immigrati ci faremo la guerra, ricordatelo sempre, ma prima la democrazia, responsabile del declino, sarà rimossa da una rivoluzione popolare.
E' proprio per questa democrazia, sostanzialmente di ispirazione comunista, che non si sono fermate le immigrazioni e di essa periremo.

Quanto alla tesi di MyrrdinWilt, ho or ora risposto con lo pseudonimo di eutanasio, ad un argomento simile nel blog:
http://passioneagricoltura.myblog.it/2016/01/04/101/
avente per titolo:
gen 4, 2016 -
sovrappopolazione = povertà? Una tesi senza fondamento scientifico

che qui riporto:

8 gennaio 2016 alle 9:16

E’ proprio il contrario, affermare che più si fanno figli e meglio si sta.
E’ una tesi antiscientifica palese, talmente evidente che non ha bisogno di dimostrazioni.
Balle, favole.
Queste sono le tesi care ai religiosi, abituati a contar falsità assurde, cominciando dalle religioni che si sono inventate. Per loro, notoriamente dei parassiti, da millenni, più gente equivale a maggiore potere sulle coscienze degli uomini e sulle ricchezze da loro prodotte.
Le chiese e “la gente di buona volontà” sono i maggiori responsabili della morte per fame, per malattie e per guerre causate dalla scarsità di risorse, delle quali l’acqua potabile sarà la maggiore carenza in futuro.
La relazione fra popolazione e consumi è lineare: più siamo e più consumiamo, inquiniamo, distruggiamo la natura, provocando estinzione per milioni di specie, fino ad arrivare ai cambiamenti climatici.
Sono fatti riscontrabili, matematici, fisici, assurdo sostenere il contrario. Nel giro di due secoli abbiamo distrutto risorse cumulate in centinaia di milioni di anni, non più rinnovabili.
Vero, l’incremento di popolazione, in percentuale, è minore che in passato, ma sempre in crescita e, di questo passo, l’appuntamento con l’esaurimento delle risorse non è allontanabile se non si pone mano ad una forte ed immediata politica di denatalità.
Dobbiamo senz’altro abbattere consumi e sprechi, ma scordatevi una ripartizione equa delle risorse.
Chi vuole più risorse deve fare meno figli, puntando sull’automazione e l’informatica, per avere la stessa produzione con minor manodopera.
Gli aiuti non servono e io non ne manderò di certo, a meno di una pianificazione demografica mondiale. Attualmente UNICEF, ONU, organizzazioni di missionari e predicatori islamici, sono i maggiori responsabili di tanta sofferenza mondiale, proprio per non aver posto un limite alle nascite.
Tutti gli aiuti inviati hanno determinato un’ulteriore crescita della popolazione.
Aspettiamoci il peggio per il futuro, con l’affermazioni di questi studiosi di parte; soldi sprecati l”averli formati. Diffondono disinformazione e calamità per il futuro.

_________________
Stiamo arrivando !
... http://www.youtube.com/watch?v=aDaUppMa ... _embedded#
....http://www.youtube.com/watch?v=tejxVvwC ... re=related


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 09/01/2016 - 05:37 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
Confondi migrazioni e invasioni e chiedi agli altri se conoscono la Storia? :shock:

Euge'... :D

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 26/01/2016 - 23:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
Migrazioni e invasioni sono sinonimi.
Il migrante si installa, mette radici, contende le disponibilità, le risorse, impone la sua cultura, conquista spazi, posti di lavoro, abitazioni, compra proprietà, apre esercizi commerciali in concorrenza con gli autoctoni, richiama i suoi parenti, stabilendo un primo nucleo di colonizzazione.
Satura i servizi per la popolazione, già scarsi, affolla le città già caotiche.
Aumenta la sporcizia e la criminalità. Crea grande disagio coi suoi costumi, usanze, cibi maleodoranti, preghiere sui marciapiedi, templi, predicatori che istigano rivolte, e odio, rituali e feste, per noi ributtanti e moleste; musiche (rumori) terribili.
Esporta nel suo paese i guadagni conseguiti, che non spende qui, quindi distrugge ricchezza.
Interi quartieri popolati solo di stranieri dove il cittadino non si avventura: pezzi di Patria perduti per sempre.
La migrazione/invasione è' alla base dei futuri pogrom e guerre civili.
Diverso è il caso del turismo, o la frequentazione di scuole, dove lo straniero trascorre un periodo di tempo, anche di anni, per poi andarsene.
La storia insegna che da ospiti sono poi diventati padroni.
Quando diventano maggioranza, chiedono la secessione, v. Kosovo.
In prospettiva, questa la fine dell'Europa, con tanti vecchi e bassa natività per gli autoctoni. All'opposto gli invasori, futuri padroni.

_________________
Stiamo arrivando !
... http://www.youtube.com/watch?v=aDaUppMa ... _embedded#
....http://www.youtube.com/watch?v=tejxVvwC ... re=related


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 27/01/2016 - 06:03 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
Questo è un delirio...

Vabbè...


Cita:
migrazióne s. f. [dal lat. migratio -onis]. –

1. In genere (come fenomeno biologico o sociale), ogni spostamento di individui, per lo più in gruppo, da un’area geografica a un’altra, determinato da mutamenti delle condizioni ambientali, demografiche, fisiologiche, ecc. In partic.:

a. Nelle scienze antropologiche e sociali, lo spostamento di una popolazione verso aree diverse da quella di origine, nelle quali si stabilisce permanentemente (a differenza di quanto avviene nel nomadismo), dovuto, fin da epoca preistorica, a fattori quali sovrappopolazione, mutazioni climatiche, carestie, competizione territoriale con altre popolazioni, ricerca di migliori condizioni di vita vere o presunte, ecc.; in sociologia, con riferimento a fenomeni più recenti, che coinvolgono in genere solo una parte di una popolazione e dipendono da complesse cause economiche e culturali, è lo stesso che emigrazione.

b. In zoologia, lo spostamento periodico, spesso stagionale, di una popolazione o di parte di essa verso climi o ambienti diversi, che comporta il successivo ritorno (degli stessi individui o delle generazioni successive) al luogo di partenza, ed è in genere determinato dalla comparsa di stimoli specifici, dovuti a variazioni delle condizioni climatiche o ambientali e alle conseguenti modificazioni fisiologiche; si differenzia dall’emigrazione (che non implica necessariamente il ritorno al luogo di partenza), dall’invasione (che consiste nella comparsa irregolare, per tempi e luoghi, di un alto numero di individui), dall’espansione dell’areale di una specie e dalla dispersione degli individui giovani verso nuovi territorî; si verifica in tutte le classi animali e risponde all’esigenza di raggiungere siti adatti alla riproduzione (per es., nelle tartarughe marine, nei pesci anadromi e catadromi, negli uccelli), di seguire fonti alimentari (per es., negli ungulati, nei cetacei, nelle locuste), di spostarsi nei luoghi di ibernazione o svernamento (per es., nella farfalla monarca). Le migrazioni possono seguire gradienti altitudinali o di profondità (come nel caso delle m. verticali del plancton, che seguono un ciclo giorno-notte), oppure gradienti latitudinali; in quest’ultimo caso, caratteristico della maggior parte delle specie, sono seguite rotte di migrazione fisse, le quali implicano una capacità di orientamento mediante sistemi di riferimento esterni (topografici, climatici, chimici, astronomici, ecc.) o interni (sensibilità al campo magnetico terrestre).

c. Con sign. più ristretto, in diritto, m. di colombi, conigli, pesci, il passaggio di colombi, conigli o pesci, rispettivam., da una ad altra colombaia, conigliera o peschiera, fatto che, se non è provocato con arte o frode, determina l’acquisto della proprietà per occupazione da parte del proprietario della colombaia, conigliera o peschiera nella quale gli animali sono migrati.

2. In biologia e medicina, spostamento di una cellula o di un organo dalla sede abituale: m. di cellule; m. del rene; m. di un ascesso.

3. In geografia fisica, il fenomeno di spostamento di entità varie: m. torrentizia glaciale, la variazione di posizione che il torrente subglaciale assume in successione di tempo (essenzialmente nel semestre caldo rispetto al semestre freddo); m. dei meandri di un fiume, che tendono ad allargarsi e a spostarsi in avanti; m. dei pozzi glaciali, in concomitanza col moto di avanzata della massa di ghiaccio dei ghiacciai. Per la m. dei poli, v. polo1, n. 1.

4. In geologia, m. primaria degli idrocarburi, e in partic. del petrolio, lo spostamento dalla sede primitiva (roccia madre) in un’altra roccia (roccia serbatoio) più o meno vicina; m. secondaria degli idrocarburi, quella che avviene in seno alla roccia serbatoio e ha termine quando il fluido raggiunge una trappola, cioè una zona la cui struttura impedisce ogni ulteriore spostamento e nella quale il fluido stesso si accumula gradualmente.

5. In elettrochimica, il movimento degli ioni verso gli elettrodi sotto l’azione di un campo elettrico esterno.

6. In fisica nucleare, area di m. per i neutroni, il valore medio (moltiplicato per il fattore 1/6) del quadrato della distanza che un neutrone percorre in un dato mezzo dall’istante della sua formazione come neutrone veloce, in un processo di fissione, all’istante del suo assorbimento come neutrone termico; la radice quadrata di tale area è detta lunghezza di migrazione.

7. Nell’industria tessile, fenomeno per cui su un tessuto o altra struttura tessile piana si ha un accumulo di colorante, appretto, legante, o altro, verso una zona preferenziale.




Cita:
invaṡióne s. f. [dal lat. tardo invasio -onis, der. di invadĕre «invadere»]. –

1.

a. Ingresso nel territorio di uno stato da parte delle forze armate di uno stato belligerante, per compiervi operazioni belliche, con o senza l’intenzione di occuparlo stabilmente: l’i. della Polonia, nella 2a guerra mondiale; fare, tentare un’i.; respingere un’invasione.

b. Con riferimento soprattutto alla storia medievale, la penetrazione in un territorio di popoli che migrano in cerca di nuove sedi: le i. barbariche; l’i. degli Unni, o di Attila; l’i. della Spagna da parte dei Vandali; l’i. longobarda, in Italia.

c. Irruzione violenta o arbitraria di persone in un luogo: i. di aziende agricole o industriali, considerata come reato contro la pubblica economia; i. di terreni o edifici altrui (pubblici o privati), considerata reato contro il patrimonio, quando sia fatta con lo scopo di occuparli o di trarne altrimenti profitto; scherz.: ma questa è un’i., quando molte persone, per lo più amiche, entrano inaspettatamente tutte insieme in un luogo. In giochi a squadra, e soprattutto nel calcio, i. del (o di) campo, irruzione degli spettatori sul terreno di gioco durante o alla fine di una partita, per protesta; i. pacifica, quella effettuata per entusiastica acclamazione dei giocatori della propria squadra.

d. Nella pallavolo, sconfinamento di un giocatore (o di una parte del suo corpo) nel campo di gioco avversario durante lo svolgimento di un’azione.

2.

a. In relazione ai sign. estens. e fig. di invadere, di qualsiasi cosa che irrompa in un luogo occupandolo o diffondendovisi in gran quantità: un’i. di cavallette, di topi; arginare l’i. delle acque; l’i. del morbo, di un’epidemia; c’è un’i. di prodotti (o anche di cantanti) stranieri, di film polizieschi, di fumetti pornografici. Raro col senso di usurpazione, ingerenza arbitraria e sim.: i. di un potere, di un diritto; l’i. del sentimento nel dominio della ragione.

b. In patologia, la diffusione nell’organismo di agenti infettivi o di cellule tumorali (i. metastatica). In partic., nel decorso di alcune malattie infettive, periodo d’i., quello caratterizzato da febbre, comparsa più o meno brusca dei sintomi caratteristici, ed eventualmente positività dell’emocoltura.

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 27/01/2016 - 06:04 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
Capisci la differenza ora o devo esplicitarla?

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 31/01/2016 - 02:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
riporto:
invasione:

1.a Con riferimento soprattutto alla storia medievale, la penetrazione in un territorio di popoli che migrano in cerca di nuove sedi: le i. barbariche; l’i. degli Unni, o di Attila; l’i. della Spagna da parte dei Vandali; l’i. longobarda, in Italia.

2. a. In relazione ai sign. estens. e fig. di invadere, di qualsiasi cosa che irrompa in un luogo occupandolo o diffondendovisi in gran quantità: un’i. di cavallette, di topi; arginare l’i. delle acque; l’i. del morbo, di un’epidemia; c’è un’i. di prodotti (o anche di cantanti) stranieri, di film polizieschi, di fumetti pornografici. Raro col senso di usurpazione, ingerenza arbitraria e sim.: i. di un potere, di un diritto; l’i. del sentimento nel dominio della ragione.


In 1.a penetrazione in territori di popoli CHE MIGRANO!!!
In 2.a qualsiasi cosa che irrompa in un luogo occupandolo e diffondendosi in gran quantità.

Proprio quello che sta succedendo in Europa e siamo solo agli inizi!
Probabilmente lavorerai in un ufficio burocratico, perchè queste pulci le tirano fuori i burocrati.
L'IMMIGRATO, QUANDO NON è DESIDERATO, CHIAMASI INVASORE !

Oggi ci sono stati disordini a Dover e in Svezia, per via delle INVASIONI di cui stiamo parlando, campioni di ospitalità forzata di immigrati.
La gente ha abbozzato per decenni il volere dei politici di sinistra ma ora è furiosa, anche perchè in Svezia sono solo 9,7, al 2013, di cui 1,6 milioni di immigrati, il 15% della popolazione.
La gente capisce che, da qui a poco, loro spariranno e rimarranno solo stranieri, perchè la loro velocità di riproduzione è quattro volte o più di quella europea.
Loro, invece, diverranno quella minoranza che si dovrà convertire all'Islam.
E così Allah è arrivato a colonizzare anche il polo nord.
http://dailystorm.it/2014/08/30/il-razz ... apparente/
In Norvegia, con una popolazione di 5 milioni di abitanti, gli immigrati sono il 25% della popolazione, cioè 1 milione.
Attenzione nel calcolare la percentuale di stranieri; c'è una fregatura che induce ad un errore terribile:
i figli degli immigrati non sono più considerati stranieri, conseguenze dell lus soli. C'e quindi da chiedersi: quanti dei rimanenti 4 milioni di norvegesi sono immigrati di seconda generazione?
Per la Norvegia, il sorpasso è vicino e, quando avverrà, saranno cazzi amari per loro!
Gli islamici vorranno imporre la Sharià, già ci sono moschee ovunque e la Norvegia si trasformerà in uno stuolo di tappetini per la preghiera, nelle vallate echeggeranno i ragli dei muezzin.
Si verificherà il noto fenomeno del coglione che ha allungato un braccio al coccodrillo per dargli il cibo e finisce per intero nelle sue fauci.
Buon appetito!

Ora sia molto chiaro questo:
NoiCON GLI IMMIGRATI CI ANDREMO A FARE LA GUERRA !!!
Così è sempre stato in passato!
La storia dell'umanità e un lungo fiume di sangue, che parte dalla preistoria e arriva ai nostri giorni.
Quando un popolo migra, come dici tu, e si porta in altri territori, cioè invade, come dico io, E' GUERRA!
E, se il popolo invaso non respinge gli assalitori, allora saranno stragi, devastazioni, stupri, fino ad estromettere o sottomettere quel che resta di qual popolo a guerra finita, che diverrà schiavo.
Forse lo capirai quando ti entreranno in casa.

Comunque, la democrazia ha fallito, ha permesso al nemico di penetrare le nazioni.
L'Europa si sta sfasciando,proprio a causa degli immigrati, e sono ancora pochi, figuriamoci in futuro, quando l'invasione arriverà dall'Africa, con un'esplosione demografica di 6 figli per coppia, nonostante malattie, carestie e guerre.

A MyrrdinWilt dico: la distribuzione delle risorse può anche essere pessima ma, ammesso che fosse ottima, ciò comporterebbe un ulteriore aumento della popolazione, la quale si riproduce più velocemente quando le derrate sono abbondanti.

L'esaurimento delle risorse è un altro fenomeno, legato al consumo: maggiore il consumo, conseguente all'aumento della popolazione, più veloce sarà l'esaurimento e, si sa, quando il cibo e altre risorse scarseggiano, le guerre all'ultimo sangue per accaparrarsi quanto resta, scoppiano e "suò mazzaaaaate" come si dice a Napoli.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 31/01/2016 - 05:50 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
"Riporti" da dove?
Da fogliacci destri del sottobosco fascio-webbiano scritti da esaltati con dubbia licenza elementare? :D
Ma falla finita! 'Sti giochetti li puoi fare con chi non sa come usate la propaganda... 8)

ps: Io ho citato dal Dizionario della Treccani (per dire :mrgreen: )

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 05/02/2016 - 01:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
Sono due punti scelti dalle tue definizioni di invasione, trovate sulla Treccani, dove si fa riferimento anche alle migrazioni.
Mi sembra una questione di puntiglio.
Le migrazioni sono una variante debole delle invasioni, questione di grado ma sono invasioni.
Certo, dell'invasione abbiamo un'idea di violenza, ma si tratta sempre di persone che si trasferiscono da un luogo per occuparne un altro.
L'importante è l'effetto finale di colonizzazione e sostituzione degli autoctoni.
Solo il turismo, pure grande movimento di persone, non rappresenta un pericolo, perchè temporaneo.
La voragine si apre quando i due o più popoli, culture, etnie immigrate, sono sbilanciate, per cui, nel tempo, quella originaria svanisce.
E' quello che sta accadendo in Italia, solo che a nostra miopia non ci fa vedere la prospettiva futura di quanto sta accadendo.
Come le cellule di un tumore, all'inizio son poche, alla fine quelle cellule sono in tutto il corpo, come metastasi.
A quel punto, chi si preoccupa più di sapere o ricordare come tutto ciò è accaduto?
Coraggio, non perdiamoci in chiacchiere, cerchiamo di imparare, piuttosto, come si sparisce il più rapidamente possibile, in modo da non disturbare i nuovi padroni.
La sinistra è specializzata in fallimenti, ci riusciremo a breve.

_________________
Stiamo arrivando !
... http://www.youtube.com/watch?v=aDaUppMa ... _embedded#
....http://www.youtube.com/watch?v=tejxVvwC ... re=related


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)