La Torre della Rosa d'Argento

ddd. devil & daimon 's dream
Oggi è 11/08/2020 - 11:32

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]



Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 315 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 17, 18, 19, 20, 21
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 25/10/2011 - 04:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/12/2008 - 07:01
Messaggi: 16350
Località: La Città Eterna
Le figure di merda che ci toccano

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 12/11/2011 - 07:40 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
Fino all'ultimo PdL e Lega stanno cercando di distruggere l'Italia.
Ora, con il nome Monti che sta già calmierando i mercati (vedi sia lo spread BTP-Bund, sia i rendimenti dei BTP che si riallineano, ad esempio, ma anche le telefonate di sollievo di Obama, Merkel, Sarkozy, Cameron a Napolitano, lui sì grandissimo statista che lavora per il bene del paese, che in questo terribile frangente ne abbia i poteri o meno, i commenti da BCE, FED, FMI eccetera), ecco che i due partitilli della spartizione del potere, essi sì eredi della vecchia politica, cercano di sabotare il paese e il suo futuro spingendo in alternativa nomi della caratura nientemeno di Lamberto Dini (ma perchè non un bel governo Andreotti, tanto per?!?), o del servilissimo Alfano, o addirittura Schifani, nomen omen.
Ricordiamocelo, quando sarà il momento di votare, a bocce ferme e crisi sotto controllo.

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 18/12/2011 - 04:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 27/05/2009 - 15:39
Messaggi: 6403
Non tifi Monti? Sei un qualunquista
di Andrea Scanzi, da www.ilfattoquotidiano.it

C’è un ricatto che non ha mai smesso di andare di moda, dalle parti di una certa “sinistra” salottiera e garbata. E’ quello secondo cui, se non sei di “sinistra” come loro, e al tempo stesso non ti dimostri nemmeno di destra, sei qualunquista.
L’assioma è tornato a valere, e volare, con il Governo Monti. Venerato da (quasi) tutti, in virtù non di virtù innegabili ma di una riflessione che chiunque non può confutare: anche un esecutivo di fagioli zolfini sarebbe parso più avvenente e condivisibile di quello di Berlusconi, Brunetta, Gelmini e Carfagna.

Così, in nome del sempiterno menopeggismo, ci troviamo impantanati in un fastidioso cul de sac politico-giornalistico: o sei con Monti, “L‘uomo che sprizza umanità da tutti gli spinotti” (Crozza), e quindi assurgi al rango di responsabile che ama l’Italia; o sei un disfattista, populista e qualunquista. Un demagogo che si meritava Berlusconi e non capisce la drammaticità del presente.

La manovra è liberticida, ingiusta e classista. Il primo passo verso la morte dello Stato Sociale. Non occorre Engels per intuirlo (basta molto meno, anche solo essere Mussi). Ma non puoi dirlo. Non puoi scriverlo. Non puoi neanche pensarlo. E’ anticostituzionale. Se lo fai, sei un irresponsabile totale che fomenta l’odio, cavalca l’indignazione facile e vive di utopie irrazionali (come se poi esistesse, “l’utopia razionale“: se esistesse, non sarebbe utopia).

Viviamo il tragicomico paradosso, ottimamente rappresentato da quella iattura caricaturale che è il Pd, secondo cui non solo dobbiamo accettare le lacrime e il sangue: dobbiamo pure essere felici. Ed esibire somma gratitudine. Ieri era “bacia la mano che ruppe il tuo naso“. Oggi è “ringrazia il braccio che ti elargisce (sobriamente) l’ombrello di Altan“.

Chi non è con Monti, oggi, “sa solo criticare” (approccio sbagliato, certo, mai però quanto il “sapete solo sbagliare” dei polli d’allevamento piddini). Chi non è con Monti, oggi, “si stupisce per niente” (nessuno si stupisce, al massimo può capitare a Pigi Battista, ma un calcio negli zebedei fa male anche se lo prevedevi). Chi non è con Monti, oggi, non capisce che “è il tempo dei sacrifici” (nessuno lo nega, ma da qui ad accettare che a sacrificarsi siano solo gli stessi ce ne passa).
Il Pdl aveva chiesto cose precise. Le ha ottenute tutte, Ici (con nuovo nome) a parte. Quindi fa bene a essere soddisfatto, anche se finge fastidio per smarcarsi dai cattivoni ora al governo e prepara la rimonta per il 2013 (con Priapino pronto a riscuotere alla cassa).

Il Pd aveva sussurrato (“preteso” sarebbe parola fuoriluogo) balbettii minimi. E’ stato disatteso totalmente o quasi Adesso, però, non è che alza la voce. Figurarsi: si affretta a dire che “non è la nostra manovra, però la voteremo” (logica granitica). Perché loro – guai a confutarlo – hanno il senso dello Stato. Mentre gli altri sono dei trotzkisti qualunquisti.

Se si fosse andati al voto, il Pd avrebbe vinto e goduto (una volta tanto) di una legge elettorale schifosa (che nessuno cambierà in questi mesi: quindi tanto valeva votare subito). Non sarebbe stato il Governo – e il Parlamento – dei sogni, ma peggio di quelli attuali no di sicuro. Invece, così agendo e attendendo, ridesterà – per l’ennesima volta – Berlusconi e firmerà l’ennesimo harakiri. Harakiri probabilmente voluti, perché neanche Calloni sbagliava così tanto. E Berlusconi è funzionale non alla sinistra, ma a questa “sinistra”.

Eppure, di pari passo con la propensione fantozziana all’harakiri, la sicumera piddina del “noi siamo nel giusto” non scema. Con il carisma da battipanni che gli è consono, Fra’ Bersani è stato contestato da parte della claque su Facebook: buona cosa, gli elettori del Pd sono quasi sempre meglio di chi dice di rappresentarli, ma tanto lui non sa aprire Facebook e non lo scoprirà mai. Col cipiglio di chi non sa, Fra’ Bersani ha quindi minacciato Di Pietro: O la voti o sei fuori. Democratico, no? No.

Diciassette anni di berlusconismo hanno creato un cortocircuito tale per cui ormai anche il buon senso – e l’ovvio – divengono rivoluzionari. Financo eversivi.
E allora, sì, sarò (e qua e là saremo) eversivi. Qualunquisti. Populisti. Demagoghi. Saremo questo e quell’altro, ma la manovra fa schifo. Oggettivamente schifo. Così schifo che peggio di così era impossibile (se l’avesse fatta Berlusconi, la stessa gente che ora invita alla moderazione avrebbe scritto articolesse piccate).

E’ una manovra banale e didascalica (toh, aumentare Iva e benzina: ci volevano quelli della Bocconi per concepire cotanta strategia). Colpisce i soliti poveracci e titilla lascivamente i potenti di sempre. Voto di fiducia, no Irpef, no patrimoniale, frequenze tv regalate, pensionati stangati, tassazione ridicola sui capitali scudati, Chiesa salvata: si scrive Monti, si legge Berlusconi.

La Fornero – noiosamente divinizzata per qualche lacrima, con un trasporto laico che neanche la Madonnina di Civitavecchia – avrà anche pianto con sincerità. Ma se era così consapevole di quanto facesse orrore la sua “riforma previdenziale”, poteva esimersi dal concepirla. E chi è nato nel ’52, tradisce ora desideri neanche troppo reconditi di farla piangere per motivi più concreti (però sobriamente, s’intende). Madama Fornero, e i suoi guizzantissimi sodali vicini a banche e clero, hanno rovinato in un attimo la vita di milioni di italiani. E non basta dire ”quanto ci dispiace” per indorare la pillola. Fa male lo stesso. Ancor più se si nota come, disgraziatamente, non sono state prese decisioni altrettanto pregne di “coraggio” su ciò che concerne missioni di guerra, patrimoniali (presunte) e beni della Chiesa. Vedi te le coincidenze.

E’ una manovra che qualsiasi “sinistra” non voterebbe neanche sotto tortura. Perché iniqua, vessatoria, irricevibile. Da noi, invece, la “sinistra” non solo la vota ma ti scomunica – altro antico vizio dei tonni in salamoia miglioristi – se non partecipi al giubilo bipartisan. Mi va bene che la voti Casini. Va bene che la voti Lupi. Va bene che la voti il giovane vecchissimo Enrico Letta. Ma non va bene – quantomeno è incoerente – la pretesa che tra i tre soggetti, e relativi partiti, esistano differenze sostanziali (sì, anche questo è qualunquismo).

Sarò e saremo demagoghi. Disfattisti, incazzosi e perennemente insoddisfatti. Ma è insultante sentire il Cardinale Bertone che blatera come “I sacrifici fanno parte della vita” (bene: comincia tu, che poi ti veniam dietro). Non è così peregrina la rabbia provocatoria di Fulvio Abbate su Teledurruti (“Elettore del Pd, non ti fai schifo?“).

Ed è avvilente il ricatto di sempre: “Eh, ma allora tu rivuoi Berlusconi“. Anche perché (conclusione tripartita). Punto primo: Berlusconi non ha bisogno di essere “rivoluto”, poiché non se n’è veramente mai andato. Punto secondo: La copertina di Linus del “così vogliono Europa e mercati europei” è ormai lisa. Punto terzo: I tempi sono duri e con questa classe politica è arduo aspettarsi di più. Innegabile. Un conto però è constatarlo, giungendo all’amara constatazione che siamo immersi nel guano. Un altro è crogiolarsi – ilari e compiaciuti – nel letame. Stupendosi se qualcuno non partecipa al bizzarro giubilo melmoso.

Questo governo è quantomeno fosco (a meno che il menopeggismo sia ormai l’unico termometro democratico), questa manovra annichilente. E questa “sinistra”, a metà strada tra il bolso e il fighetto, ha davvero sfrangiato con la sua incapacità pavida.

Se asserire tutto ciò è “populismo”, e sia: tanti altri sono stati definiti tali. E avevano – lo ha decretato poi la Storia – molta più ragione dei “realisti”. Nel grigio bivio tra qualunquismo ipotetico e masochismo inconsapevole, è forse meglio inseguire la terza via: quella dell’onestà intellettuale. Che va quasi sempre di pari passo col gusto salvifico di indignarsi personalmente. Che nessuno potrà mai toglierti.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 07/01/2012 - 10:18 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
Cita:
Un Paese alla sbarra: il calendario
delle indagini e dei processi del 2012

Immagine

Corruzione alle stelle, partiti che fanno affari e intascano fondi illeciti, un'intera classe dirigente collusa con la criminalità. Nuovi clan, cospirazioni contro Csm e Consulta e, all'ombra del Caimano, le trame nere sulla Rai: da Minzolini alle truffe fiscali. Ecco le attività dei tribunali per l'anno nuovo
Dovrebbe essere una vera e propria emergenza nazionale, uno dei primissimi punti dell’azione del nuovo governo Monti: la corruzione che strozza il Paese. E spesso lo fa dalla testa: politici, amministratori locali, manager. Quella che dovrebbe essere l’élite di una comunità ne diventa la zavorra più pesante. Materia da trattare nelle aule dei tribunali, fardello pesante che ingolfa la macchina della giustizia. Ovviamente non c’è solo Berlusconi. A processo quest’anno troveremo un pezzo della classe dirigente. L’Italia peggiore.

Logge nel mirino

La P3: Verdini, Dell’Utri e la legge Anselmi
Si attende la decisione del Gip sulla richiesta di rinvio a giudizio emessa nei confronti di Marcello Dell’Utri, Denis Verdini e Flavio Carboni. L’accusa è di aver creato una nuova loggia, sotto il modello della vecchia P2, che riuscisse a inferire non solo negli affari dell’eolico, ma anche sulle decisioni di Consulta, Csm e Cassazione. I pm di Roma Capaldo e Sabelli hanno chiesto di mandare a processo altre 17 persone, contestando reati che vanno dalla violazione della legge Anselmi, all’associazione a delinquere, corruzione e abuso d’ufficio.

P4, tra appalti a palazzo Chigi, Papa e Bisignani Tra Roma e Napoli.
Nella Capitale da una parte i magistrati stanno lavorando sull’appalto da 9 milioni di euro per l’informatizzazione degli uffici di Palazzo Chigi, i contratti tra la società Ilte e le Poste, i rapporti traLuigi Bisignani e l’ex dg della Rai Mauro Masi. Dall’altra si va invece verso la chiusura del filone che riguarda Michele Adinolfi accusato di rivelazione di segreto e favoreggiamento personale. Mentre si prospetta l’archiviazione per la vicenda Papa-Casale. L’accusa contestata al parlamentare Pdl è quella di aver “costretto o comunque indotto l’immobiliarista Vittorio Casale a conferirgli beni e utilità vari per un valore pari a migliaia di euro, prospettandogli in cambio una soluzione ai suoi problemi giudiziari”. A Napoli invece l’inchiesta è divisa in due canali. Processo con rito ordinario davanti alla prima sezione del tribunale per Papa (accusato di favoreggiamento, concussione e rivelazione di segreto d’ufficio). Bisignani, invece, ha patteggiato 1 anno e 7 mesi davanti al gip Maurizio Conte.

Il “sistema gelatinoso” dei Grandi Eventi
L’inchiesta sui grandi eventi, iniziata dalla procura di Firenze e condotta dal Ros dei Carabinieri, ha sviluppato molti filoni d’indagine,trasferiti anche a Perugia e Roma, la maggior parte dei quali ormai chiusi, in alcuni casi già con delle condanne. L’indagine riguarda gli appalti che furono commissionati per organizzare il G8 a La Maddalena prima che l’evento fosse trasferito a L’Aquila.


a) A Perugia il patteggiamento di Toro, a giudizio Bertolaso & co.
Da questo filone d’indagine è scaturita un’altra inchiesta che ha già visto la prima condanna: a luglio, l’ex procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, ha patteggiato 8 mesi di reclusione. È stato condannato per aver rivelato segreti d’ufficio a esponenti della “cricca”. Sempre a Perugia sono stati rinviati a giudizio l’ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, l’ex presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Angelo Balducci e l’imprenditore DiegoAnemone. Le imprese di Anemone, secondo le accuse della procura perugina, avrebbero ottenuto utili illeciti per circa 75 milioni di euro. La prima udienza del processo è fissata per il 23 aprile.

b) La Banca di Verdini e i finanziamenti occulti
La procura di Firenze ha chiuso, ad ottobre, l’inchiesta sul credito cooperativo fiorentino. Tra i 55 indagati c’è l’ex presidente dell’istituto di credito Denis Verdini, coordinatore del Pdl, ilsenatore Marcello Dell’Utri,parte dei vertici della banca e della BTP, l’azienda di costruzioni all’epoca presieduta da Riccardo Fusi. L’inchiesta sulla banca è nata da quella relativa agli appalti per i Grandi eventi. I reati ipotizzati vanno dall’associazione a delinquere, alle appropriazioni indebite. Verdini è stato anche indagato per falso in bilancio e finanziamento illecito (come esponente politico): si sarebbe servito dell’istituto “per finanziare operazioni affaristiche del gruppoFusi-Bartolomei” all’ epoca alla guida dell’impresa edile BTP, “in relazione alla quale egli aveva talora anche interessi diretti e occulti”. La procura ha anche ipotizzato che 34 finanziamenti siano stati concessi senza che ci fossero le giuste credenziali. Fra i destinatari anche Dell’Utri.

c) A Roma il dibattimento sulla Scuola dei Marescialli
Nella Capitali, dove è prevista la chiusura del primo grado entro l’anno, si sta svolgendo infine il processo, nato sempre dalle indagini fiorentine, sull’appalto per la ristrutturazione della Scuola dei Marescialli.

Milanese: ricatti e Bentley dell’ex braccio destro di Tremonti
A Roma sono due le indagini che coinvolgono il braccio destro del ministro Tremonti. La prima sulle presunte irregolarità legate agli appalti della Sogei, la società generale di informatica controllata dal ministero dell’economia. La seconda indagine, invece, riguarda un giro di false fatturazioni che coinvolgono alcune società dell’imprenditore Tommaso Di Lernia. In questo caso l’accusa è di corruzione. Ma per Milanese un processo è già alle porte. Inizierà infatti il 21 febbraio il dibattimento dove è imputato per finanziamento illecito ai partiti per la compravendita di uno yacht nell’ambito dell’inchiesta su appalti Enav. Milanese è indagato anche a Napoli per corruzione, rivelazione del segreto d’ufficio e associazione per delinquere. Le indagini rappresentano lo sviluppo dell’inchiesta in cui è coinvolto anche Paolo Viscione in relazione alle attività della società assicurativa Eig. Secondo l’accusa, Milanese avrebbe ricevuto da Viscione e dalla società somme di denaro, ma anche orologi di valore, gioielli e auto come una Ferrari e una Bentley, viaggi e soggiorni all’estero.

“Why not”, il complotto ai danni di De Magistris
Riprende l’11 gennaio la deposizione a Salerno di Luigi de Magistris, parte lesa del processo che vede alla sbarra i presunti responsabili del complotto ordito ai suoi danni per sottrargli le inchieste più scottanti, da “Why Not” a “Poseidone”, quando era pm a Catanzaro.

Le toghe sporche di Potenza contro i colleghi onesti
L’indagine sulla “loggia delle toghe di Potenza” è stata chiusa il 12 dicembre. Prossima tappa: la richiesta di rinvioagiudizio.IpmdiCatanzaroGiuseppeBorrellie Simona Rossi ha individuato un gruppo occulto di magistratieinvestigatorichemettevaibastonitraleruote ai colleghi onesti – il pm Woodcock, il gip Iannuzzi – calunniandoli con l’ausilio di carabinieri e funzionari di polizia. Tra i 13 indagati anche il procuratore generale di Potenza Vincenzo Tufano, i suoi due vice Gateano Bonomi e Modestino Roca, la pm Claudia de Luca, l’ex capo della mobile di Potenza, Luisa Fasano, moglie del parlamentare del Pd Nicola Margiotta, e il tenente colonnello dei Carabinieri Pietro Gentili.

Scajola e la casa “scontatissima” con vista Colosseo
A primavera inizierà il processo in primo grado (data ancora da decidere) per l’ex ministro Claudio Scajola in relazione alla vicenda della casa in via Del Fagutale di-fronte al Colosseo. Processo anche per Diego Anemone, l’imprenditore al centro dell’inchiesta sugli appalti del G8. L’accusa è di finanziamento illecito: l’imprenditore avrebbe pagato, tramite l’architetto Angelo Zampolini, parte (circa 1,1 milioni di euro su 1,7 milioni di euro) della somma versata nel luglio del 2004 per acquistare l’immobile e avrebbe poi eseguito lavori di ristrutturazione per 100 mila euro, finanziando così l’ex ministro.

Viale Mazzini, i prezzi gonfiati per i film e l’ipotesi evasione
Inchiesta ancora agli esordi (pm Barbara Sargenti) che mira a verificare la regolarità delle procedure seguite dal 2003 in poi nelle trattative sui diritti di trasmissione tv delle società Rai Cinema e Rai spa. Per l’accusa i film sarebberostativendutiallaRaiaprezzimaggioratiinmodo da evadere le imposte. L’indagine è di fatto un filone di quella su Mediaset e Mediatrade, per cui prima dell’estate sono stati depositati gli atti.

II “direttorissimo” e le spese pazze a carico nostro
Inizierà l’8 marzo il processo per l’ex direttore del Tg1 Augusto Minzolini, accusato di peculato. Per il procuratore aggiunto Alberto Caperna il giornalista, in soli 15 mesi, precisamente da luglio del 2009 a dicembre del 2010, avrebbe speso, tra pranzi, cene e viaggi, (stranamente molti concentrati nei week-end o a ridosso dei finesettimana), oltre 68mila euro, sforando il limite consentito dalla Rai per migliaia di euro. Tutto denaro pubblico.

Mazzette à go go

Finmeccanica e la corruzione internazionale
Valter Lavitola è indagato dalla procura di Napoli per corruzione internazionale: al centro dell’inchiesta la commessa di radar, elicotteri e cartografia venduta dalla Selex Sistemi Integrati, attraverso Lavitola, al governo panamense del presidente Martinelli. Lavitola, ancora latitante, ha annunciatodivolerrientrareinItaliaperfinegennaio.Nel frattempo la procura sta interrogando Mauro Velocci, l’imprenditore che, sempre attraverso Lavitola, intendeva vendere a Panama le sue carceri modulari. L’inchiesta è nella fase delle indagini preliminari.

Il traffico di rifiuti all’ombra del Pirellone
Il 30 novembre è finito in carcere , su richiesta della procura di Brescia, il vice presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Franco Nicoli Cristiani, Pdl. I carabinierihannotrovatonelsuoappartamentole“bigbubble”, banconote da 500, per un totale di 100 mila euro: dalle intercettazioni sembra che fossero la metà di una tangente. Dimissionario, Nicoli deve rispondere di corruzione e traffico illecito di rifiuti insieme a un dirigente dell’Arpa (agenzia regionale per l’ambiente), Giuseppe Rotondaro, all’imprenditore bergamasco, Pierluca Locatelli e altre persone. Sui rifiuti tossici, finiti sotto il manto stradale della Bergamo-Brescia-Milano, continuano a indagare i pm bresciani, mentre sulla mazzetta che sarebbe servita per l’autorizzazione regionale ai lavori in un cava, l’indagine, per competenza, è passata a Milano. In questi giorni il tribunale del Riesame deve decidere sulla richiesta di scarcerazione degli indagati.

Lombardia, in provincia le tangenti in salsa leghista
A Milano c’è un’altra inchiesta sulla corruzione, molto riservata. Nasce nella primavera scorsa con una storia di mazzette in provincia, a Cassano d’Adda. Finiscono in carcere il sindaco, Claudio Sala, ancora detenuto e l’architetto Michele Ugliola, ora libero. Il professionista è una vecchia conoscenza di tangentopoli e secondoSala è un architetto vicino alla Lega. Tanto che in uno degli interrogatori, l’ex sindaco dichiara: Ugliola mi ha portato “due o tre volte a parlare dall’assessore regionale all’Urbanistica, Boni (Davide Boni, attualmente presidente del Consiglio regionale, ndr)”.

L’ex ministro Fitto e i 500mila euro di Angelucci
L’ex ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, è a processo per corruzione e finanziamento illecito del suo partito, la “Puglia prima di tutto”, a causa d’una presunta tangente da 500mila euro versata dal patron della sanità laziale – e dei quotidiani Libero e Il Riformista – Gianpaolo Angelucci, anch’egli rinviato a giudizio per corruzione. La somma rappresenterebbe, secondo i pm, una tangente finalizzata a ottenere un appalto da 198 milioni di euro per gestire alcune residenze sanitarie assistite.

Penati, la corruzione e il sostegno illecito al Pd
A Monza, da luglio, è indagato per corruzione e finanziamento illecito ai partiti, Filippo Penati, Pd, ex capo della segreteria di Bersani ed ex vicepresidente del Consiglio regionale lombardo. L’inchiesta ruota attorno alle aree ex Falk e Marelli di Sesto San Giovanni, di cui Penati è stato sindaco. L’esponente del Pd e altri indagati avrebbero preso mazzette da due costruttori, diventati grandi accusatori: Piero Di Caterina e Giuseppe Pasini. L’indagine riguarda anche l’acquisto da parte della Provincia di Milano, allora guidata da Penati, del 15% della Milano-Serravalle in mano all’imprenditore Marcellino Gavio, morto nel 2009 e i finanziamenti di Fare Metropoli, un’associazione di Penati.

Salerno, il sindaco galoppa verso la prescrizione
Il 2012 potrebbe essere l’anno in cui finiranno in cavalleria i processi a carico di De Luca. Galoppano verso la prescrizione le vicende legate alla variante Mcm in favore dell’imprenditore Pdl Gianni Lettieri (candidato sindaco di Napoli, sconfitto da de Magistris) e alla trasformazione (fallita) dell’ex Ideal Standard in parco acquatico. Inizierà il 1 marzo un terzo processo, che vede imputato De Luca di peculato per l’incarico di ‘project manager’ del termovalorizzatore di Salerno ad un suo fedelissimo, firmato allora nella veste di commissario governativo dell’opera. Per il pm Roberto Penna, il nominato non aveva i titoli e la figura di project manager non poteva essere prevista dalla procedura. È già iniziato infine un processo che lo vede imputato per diffamazione ai danni del vicedirettore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio, che lo querelò per le affermazioni fatte durante una convention delPd:“Spero di incontrarlo di notte,da solo, al buio…”. Prossima udienza, il 31 gennaio.

Il “Campanile” e la Udeur-connection di Ceppaloni
Due i filoni delle inchieste sulle clientele del Campanile . Uno, avviato nel gennaio 2008 con l’arresto di Lady Mastella, è a dibattimento. Un altro, culminato con il divieto di dimora della signora Mastella nel novembre 2009, è in aula da pochi mesi. Nel primo processo, Clemente Mastella non è imputato: posizione stralciata per la questione delle intercettazioni a un parlamentare. Nel secondo, è stato rinviato a giudizio per alcuni episodi, ma assolto dall’accusa di associazione per delinquere: pende però un ricorso del pm Curcio.

Mastella, Zamparini e la “stecca” da 50 mila euro
Il processo per corruzione nei confronti del presidente del Palermo, del leader dell’Udeur e della moglie, consigliere regionale della Campania, inizierà il 18aprile di fronte al Tribunale di Benevento: 14 gli imputati per vari reati. La presunta ‘mazzetta’ – un bonifico di 50.000 euro di Zamparini in favore della onlus presieduta da Lady Mastella – sarebbe servita, secondo il pm Antonio Clemente, a sbloccare l’apertura dell’ipermercato di Benevento ‘I Sanniti’, frenata da seri problemi di natura burocratica e urbanistica.

Tedesco e le nomine pilotate nelle Asl della Puglia
Il senatore Pd Alberto Tedesco è accusato dalla procura di Bari di associazione per delinquere, concussione, corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio. La Cassazione, a dicembre, ha deciso per sì al suo arresto, riattivando la richiesta di autorizzazione al Parlamento, che già l’ha negata una volta. Ex assessore regionale per la Sanità, Tedesco è accusato d’aver fatto pressioni per le nomine di alcuni manager delle Asl, “in modo da costituire una rete che era in grado di controllare forniture e gare d’appalto che venivano illecitamente pilotate verso imprese facenti capo a imprenditori, collegati da interessi familiariedeconomiciconireferentipoliticiecheerano in grado di controllare rilevanti pacchetti di voti elettorali da dirottare verso Tedesco”. I figli di Tedesco hanno operato a lungo nel settore delle protesi sanitarie. L’indagine è chiusa, si attende la decisione del Parlamento sull’arresto e la richiesta di rinvio giudizio.

Frisullo, Tarantini e le forniture nella sanità
L’inchiesta sulla Sanità pugliese e sul “sistema Tarantini” hanno pesantemente coinvolto il centrosinistra e la giunta guidata da Nichi Vendola nella passata legislatura. Per Sandro Frisullo, Pd, all’epoca vicepresidente della giunta regionale, è stato chiesto il rinvio a giudizio.L’inchiestacontamoltiimputati,accusatiavario titolo di associazione per delinquere, corruzione, abuso d’ufficio, turbativa d’asta e millantato credito. Frisullo è accusato di aver ricevuto da Tarantini escort e denaro favorendo, in cambio, l’aggiudicazione di appalti, nella Asl di Lecce, tra il 2007 e il 2009.

Firenze: Ligresti e la speculazione Castello
Il processo sulla trasformazione urbanistica dell’area di Castello a Firenze di proprietà Fondiaria Sai è iniziato il 6 giugno. Con Salvatore Ligresti sono imputati per corruzione i due ex assessori del comune di Firenze, Gianni Biagi e Graziano Cioni, insieme con due dirigenti di Fondiaria e un architetto fiorentino. Secondo l’accusa l’ex assessore all’urbanistica Biagi e quello per la sicurezza Cionisi misero a disposizione di Ligresti favorendo i suoi interessi nell’ambito delle trattative sulla urbanizzazione dell’area di Castello. Il processo è a metà dell’istruttoria dibattimentale. Il calendario delle udienze è fissato fino alla fine di marzo.

Menarini, la truffa da 800 milioni sulle medicine
La procura di Firenze ha chiuso l’inchiesta sul colosso farmaceutico ipotizzando una truffa di 860 milioni ai danni del Ssn. Il patron del gruppo, Alberto Aleotti, è accusato di aver realizzato da oltre 30 anni un ingiustificato aumento dei prezzi dei farmaci. Con lui sono indagate 15 persone tra le quali ci sono anche i figli Lucia e Giovanni. I reati ipotizzati sono, a vario titolo quelli di truffa ai danni dello stato, riciclaggio, frode fiscaleecorruzione.Indagatopercorruzione,insieme a Alberto Aleotti, anche il senatore Pdl Cesare Cursi.

Genova, appalti del provveditorato e il bagno del prefetto
Due anni di appalti del provveditorato alle Opere Pubbliche di Genova sono l’oggetto di un’inchiesta della Procura e della Guardia di Finanza. Le accuse, a carico di tre funzionari (tra loro un presidente di municipio e un maager di una società della Regione) e di tre imprenditori,vannodall’abusod’ufficio,allaturbativad’asta fino alla corruzione. Le carte degli inquirenti ipotizzano che tra i potenziali contatti romani del gruppo ci fossero il senatore Bornacin e l’ex ministro Matteoli (non indagati). L’inchiesta è partita dalla realizzazione del bagno del Prefetto, dotato di idromassaggio, ma si è occupata anche dei lavori per gli uffici dell’ex Questore. Per il provveditorato c’è il rischio di un commissariamento.

B. senza cavilli

I 600 mila dollari per Mills e la battaglia per la prescrizione
Per scongiurare la prescrizione, udienze a raffica questo mese al processo Mills a carico di Silvio Berlusconi. L’ex premier è accusato di aver corrotto con 600 mila dollari il testimone David Mills che lo ha tolto “da un mare di guai” ai processi Gdf-Fininvest e All Iberian. In calendario 6 udienze tra il 16 e il 28 gennaio. In programma, tra l’altro, le dichiarazioni spontanee di Berlusconi. A bocce ferme, la sentenza di primo grado, e solo quella, sarà emessa prima che scatti la prescrizione, prevista tra febbraio e marzo. Comunque, l’ex premier può stare tranquillo.Grazie a una delle sue leggi ad personam, la ex Cirielli, non arriverà mai a giudizio definitivo.

Karima “Mubarak” e le cene eleganti di Arcore
Il 20 e il 27 gennaio si celebreranno le udienze rispettivamente dei processi a Berlusconi e a Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede per il caso Ruby-bunga bunga. Il processo a carico dell’ex premier è per concussione (rilasciate la “nipote di Mubarak”) e prostituzione minorile. Minetti, Mora e Fede, invece, devono rispondere di induzione e favoreggiamento della prostituzione, anche minorile. In questo processo si sono costituite parte civile Ambra Battilana, Chiara Danese e Imane Fadil, tre delle ragazze che hanno partecipato alle “cene eleganti” e che dovranno testimoniare. Il 7 febbraio la Consulta discuterà sul conflitto di attribuzioni sollevato dalla Camera contro i giudici milanesi

Mediaset, i diritti tv e l’accusa di frode fiscale
Al processo Mediaset, Silvio Berlusconi è imputato di frode fiscale per presunti costi gonfiati dalla sua azienda durante l’acquisto dei diritti televisivi .Secondol’accusa, con questa modalità sarebbero stati accantonati soldi in nero all’estero. Anche questo processo, come quello Mills, non vedrà una sentenza definitiva grazie alla legge ex Cirielli che ha ridotto da 15 a 7 anni e mezzo la prescrizione per la frode fiscale. Da una costola dell’inchiesta che ha portato al processo in corso, è nata quella su “Meditrade-Rti”. L’ipotesi è sempre il costo alterato dell’acquisto dei diritti televisivi. Berlusconi è stato prosciolto in fase di udienza preliminare (la procura farà ricorso in Cassazione) mentre sono stati rinviati a giudizio, tra gli altri, il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri e il vicepresidente, Piersilvio Berlusconi.

L’intercettazione rubata Fassino-Consorte sul “Giornale”
Il 30 gennaio si saprà se Berlusconi sarà processato a Milanoperrivelazionedelsegretod’ufficioinrelazione alla pubblicazione sul Giornale di un’intercettazione, del 2005, ancora segreta, tra il segretario dei Ds, Piero Fassino e il presidente di Unipol, Giovanni Consorte: “Allora, abbiamo una banca?”. Era la stagione dei “furbetti del quartierino” e dei loro tentativi illeciti di scalare banche e il Corriere della Sera. Quell’intercettazione arrivò ad ad Arcore, il 24 dicembre del 2005, grazie al fratello Paolo Berlusconi (saràprocessatodal10gennaio), all’ex socio Fabrizio Favata (condannato con rito abbreviato) e a Roberto Raffaelli (ha patteggiato), ex amministratore delegato di Rcs, società di intercettazioni che lavorava per la procura.

Le escort, il reclutamento e l’utilizzatore finale
L’indagine aperta nel 2009 sul giro di prostituzione del quale Berlusconi, non indagato, era “l’utilizzatore finale” è stata chiusa dalla procura di Bari a settembre. A Tarantini viene imputata “un’attività, a seconda dei casi, di reclutamento, induzione e/o favoreggiamento alla prostituzione” e si attende la decisione sul suo rinvio a giudizio.

Lavitola, Gianpi e le bugie sul Cavaliere
Nata a Napoli – dalle indagini dei pm Piscitelli, Woodcock e Curcio – l’inchiesta su Valter Lavitola è giunta a Bari per competenza territoriale. La procura di Bari, inizialmente contraria, ha dovuto chiedere l’arresto di Lavitola, nel frattempo latitante a Panama. Lavitola è accusato di aver indotto Tarantini a rendere dichiarazioni mendaci, dinanzi ai pm baresi che indagavano sulle escort, per tutelare Berlusconi. In origine, secondo l’impostazione della procura di Napoli, Lavitola era accusato – con Tarantini – di aver estorto a B. almeno 500mila euro. Il tribunale del Riesame di Napoli ha mutato il reato in induzione a rendere dichiarazioni mendaci, trasferendo il fascicolo a Bari, mentre, per la stessa vicenda, e con il reato di estorsione, s’indaga a Roma.

di Gianni Barbacetto, Michela Gargiulo, Vincenzo Iurillo, Marco Lillo, Antonella Mascali, Antonio Massari, Valeria Pacelli e Ferruccio Sansa

da Il Fatto Quotidiano del 6 gennaio 2012

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/01 ... 12/182009/

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 27/03/2012 - 17:11 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 28/05/2007 - 15:17
Messaggi: 70426
Località: La Torre della Rosa d'Argento
C’è un retropensiero abbastanza spaventoso, nell’autocompiacimento con cui Monti e Fornero continuano a ripetere che loro non hanno «bisogno del consenso» e che «per distribuire caramelle bastavano i politici».

Anzi, ce ne sono due, uno peggio dell’altro.

Il primo è che la democrazia serva a distribuire caramelle, e non alla ricerca del bene comune.

Il secondo è che qualsiasi scelta economica del governo debba essere immune da critiche, in quanto priva di alternative a parte la distribuzione di caramelle.

Intendiamoci: se siamo arrivati fin qui – cioè fino ad accettare questi due assiomi come autentici – è in gran parte colpa nostra, di noi italiani.

Il primo assioma infatti è in buona parte frutto dei partiti-clientela (con i loro eterni scambi di favori per voti) e poi del berlusconismo, che ci ha abituato definitivamente alla politica caramella (vi toglierò l’Ici, abolirò il bollo auto, vi spedirò a casa la dentiera si vi siete persi i denti).

Il secondo assioma è invece il frutto dell’incapacità di elaborare, proporre e far valere ipotesi e proposte economiche che siano alternative alle ricette da Chicago (Old) Boys con cui Monti e i suoi hanno governato finora.

Il risultato del primo assioma è la fine della democrazia, il risultato del secondo assioma è il liberismo come pensiero unico.

Forse ha ragione Massimo Cacciari, quando dice che sta finendo la rappresentanza così come era stata concepita negli ultimi due e tre secoli, e occorre inventarsi qualcosa di nuovo.

Purché quel qualcosa di nuovo non sia l’ideologia implicita nelle parole di Monti e Fornero: la politica fa male, siete un popolo di minorenni, lasciate fare a noi, che tanto non c’è alternativa.


















Come non riflettere...

_________________
Si vis amari, ama.

ImmagineImmagine®Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 29/03/2012 - 05:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/05/2009 - 22:03
Messaggi: 22638
un 'qualcosa' di pericolosissimo, lo percepisco e lo ragiono così...

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 27/04/2012 - 03:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 27/05/2009 - 15:39
Messaggi: 6403
Dalla crisi la riscossa degli Stati-nazione



di Dani Rodrik, Il Sole 24 Ore

Uno dei miti fondatori della nostra epoca è che la globalizzazione ha messo in secondo piano lo Stato-nazione. La rivoluzione avvenuta nei trasporti e nelle comunicazioni ha cancellato i confini e reso il mondo più piccolo. Le nuove modalità di governance, che spaziano dalle reti transnazionali degli enti di vigilanza alle organizzazioni internazionali della società civile fino alle istituzioni multilaterali, stanno oltrepassando e soppiantando i legislatori nazionali. I policy maker nazionali sono pressoché impotenti di fronte ai mercati globali.

La crisi finanziaria globale ha mandato in frantumi questo mito. Chi ha salvato le banche, pompato liquidità nel sistema, lanciato stimoli fiscali e fornito sussidi ai disoccupati per sventare una catastrofe? Chi sta riscrivendo le regole sulla supervisione e regolamentazione dei mercati finanziari per prevenire un'altra crisi? Chi si prende la colpa per tutto ciò che non va? La risposta è sempre la stessa: i governi nazionali. Il G-20, il Fondo monetario internazionale e il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria hanno spesso agito in modo marginale.

Anche in Europa, dove le istituzioni regionali mostrano una certa solidità, sono stati gli interessi e i policy maker nazionali, soprattutto nella persona del cancelliere tedesco Angela Merkel, a dominare le scene. Se la Merkel fosse stata meno desiderosa di austerità per i Paesi europei fortemente indebitati e se avesse convinto il proprio elettorato nazionale della necessità di un approccio diverso, la crisi dell'Eurozona si sarebbe svolta in modo del tutto differente.
Anche nell'ipotesi in cui lo Stato nazionale sopravviva, la sua reputazione resta comunque compromessa. Le critiche arrivano da due fronti. In primis, dagli economisti che considerano i governi un ostacolo per una più libera circolazione di beni, capitali e persone in tutto il mondo.

A detta loro, se i policy maker nazionali non intervenissero con regolamentazioni e barriere, i mercati globali riuscirebbero comunque a badare a se stessi e a creare un'economia mondiale più integrata ed efficiente. Ma chi fornirà ai mercati regole e regolamentazioni, se non gli Stati-nazione? Il laissez-faire è una formula adatta a scatenare profonde crisi finanziarie e forti contraccolpi politici. Bisognerebbe altresì affidare la politica economica a tecnocrati internazionali, che solitamente vengono isolati a causa dei tira e molla politici - una posizione che circoscrive gravemente la democrazia e la responsabilità politica.

In sintesi, il laissez-faire e la tecnocrazia internazionale non forniscono una valida alternativa allo Stato-nazione. L'erosione dello Stato-nazione non fa un granché bene ai mercati globali se mancano i reali meccanismi di governance globale. In secondo luogo, si sentono le critiche dei cosmopoliti moralisti che screditano l'artificialità dei confini nazionali. Come sosteneva il filosofo Peter Singer, la rivoluzione delle comunicazioni ha generato un "pubblico globale" che crea la base per un'"etica globale". Se ci identifichiamo con la nazione, la nostra moralità resta nazionale. Se invece associamo noi stessi al mondo in generale, anche la nostra fedeltà si espanderà. L'economista e premio Nobel Amartya Sen parla infatti di "identità multiple" (etnica, religiosa, nazionale, locale, professionale e politica), molte delle quali oltrepassano i confini nazionali.

Non è chiaro in quale misura si tratti di pia illusione e in quale misura di reali cambi di identità e senso di attaccamento. Le ricerche dimostrano che l'attaccamento allo Stato-nazione rimane piuttosto forte.
Alcuni anni fa il World Values Survey ha condotto un'indagine in diversi Paesi sull'attaccamento alla comunità locale, alla nazione e al mondo in generale. Non sorprende che il numero di chi si considerava cittadino nazionale superava di gran lunga chi si considerava cittadino del mondo. Ma, fatto del tutto eccezionale, l'identità nazionale ha messo in ombra anche l'identità locale negli Stati Uniti, in Europa, India, Cina e in molte altre regioni. Le stesse indagini indicano che i più giovani, i più istruiti e coloro che appartengono all'alta società associano se stessi al mondo. Ciononostante, è difficile identificare qualsiasi segmento demografico in cui l'attaccamento alla comunità globale pesi più dell'attaccamento al proprio Paese.

Per quanto ampio sia stato il calo registrato nei costi di trasporto e delle comunicazioni, questo non ha cancellato la geografia. L'attività economica, sociale e politica resta raggruppata in base alle preferenze, alle esigenze e alle traiettorie storiche che variano intorno al globo.
La distanza geografica rappresenta un forte fattore di scambio economico come mezzo secolo fa. Anche Internet si è rivelato meno sconfinato di quanto sembra: secondo uno studio gli americani sono più propensi a visitare i siti web dei Paesi che sono fisicamente vicini rispetto a quelli lontani, anche dopo aver controllato la lingua, il reddito e altri fattori. Il problema è che siamo ancora in balia del mito calante dello Stato-nazione. I leader politici adducono a pretesto l'impotenza, gli intellettuali sognano schemi di governance globale poco plausibili e i mediocri danno la colpa agli immigrati e alle importazioni.

Non appena si parla di restituire potere allo Stato-nazione le persone rispettabili corrono al riparo come se si trattasse di una piaga.
La geografia relativa al senso di attaccamento e alle identità non è fissa, anzi è variata nel corso della storia. Ciò significa che non dovremmo accantonare completamente l'eventualità che in futuro si sviluppi una vera coscienza globale, insieme alle comunità politiche transnazionali. Ma le sfide odierne non possono essere affrontate da istituzioni che non esistono (ancora). Per il momento, le persone devono optare per soluzioni adatte ai governi nazionali, che rimangono la speranza migliore per l'azione collettiva. Sarà anche un relitto lasciatoci in eredità dalla Rivoluzione francese, ma lo Stato-nazione è tutto ciò che abbiamo.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/05/2012 - 04:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/06/2007 - 07:57
Messaggi: 2845
Truffa ai danni dello Stato, appropriazione indebita, peculato. Lo scandalo Lega si arricchisce di un nuovo capitolo e di altri cinque avvisi di garanzia. A cominciare da Umberto Bossi, finito sotto inchiesta per truffa ai danni dello Stato in concorso con l’ex tesoriere Francesco Belsito. E lo scandalo coinvolge anche i figli dell'ex leader del Carroccio Renzo e Riccardo, sotto accusa per le spese personali pagate con i soldi del partito. La Procura di Milano indaga anche il senatore Piergiorgio Stiffoni, peculato, e Paolo Scala, che aveva gestito l’affare della Tanzania.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 18/05/2012 - 04:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/12/2008 - 07:01
Messaggi: 16350
Località: La Città Eterna
Corruzione, il Pdl blocca l'iter della legge
Insorgono i partiti. Idv: "Peggio del '92"

Nella seduta congiunta delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia, il Popolo della Libertà rallenta la discussione del testo che inasprisce le pene per reati di corruzione. Interventi fiume dei deputati berlusconiani. Idv e Udc ritirano gli emendamenti per accorciare i tempi. Anche la Lega protesta.

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 25/05/2012 - 13:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 27/05/2009 - 15:39
Messaggi: 6403
“Accelerare con la riforma della Costituzione”.

Ovvero: recuperare il progetto di Berlusconi di manomettere l'equilibrio dei poteri per rafforzare il Governo ed umiliare ancor di più il Parlamento.

Ecco la pericolosa risposta dei partiti alla fortissima domanda di cambiamento emersa alle amministrative.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 31/05/2012 - 03:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/12/2008 - 07:01
Messaggi: 16350
Località: La Città Eterna
Palermo, processo bis a Cuffaro: chiesti 13 anni

La richiesta del pg per l'ex presidente della Regione, accusato di concorso esterno. L'esponente Udc è in carcere da quasi un anno e mezzo perché condannato a sette anni per favoreggiamento

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 31/05/2012 - 03:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/12/2008 - 07:01
Messaggi: 16350
Località: La Città Eterna
Formigoni: "Non me ne vado neanche se arriva un avviso di garanzia"

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 13/12/2012 - 01:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/12/2008 - 14:57
Messaggi: 5444
B. ormai è disperato, e parla tanto per, senza nemmeno rendersi conto di ciò che afferma.
Un vero show alla presentazione del libro di Vespa.
Dice tutto e il contrario di tutto...
Prima: "Sono candidato premier"...
Dopo: "Alfano è in pole per palazzo Chigi"... "
Poi: "Monti è condizionato dalla sinistra"...
E subito dopo: "Sosterrei Monti leader dei moderati e della Lega"...
Ancora: "Non cambiamo il nome del Pdl ma ci sarà il simbolo di Forza Italia"...
Un delirio.

_________________
RI-ImmagineO NO?


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 13/12/2012 - 01:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/12/2008 - 14:57
Messaggi: 5444
E l'odierno delirio del grillo ("Non rompetemi le palle con la democrazia, a chi non sta bene lo sbatto fuori!"), per non essere da meno, come stigmatizzato sul web:

Immagine

ImmagineImmagine

Immagine

Immagine

_________________
RI-ImmagineO NO?


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 13/12/2012 - 01:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/12/2008 - 14:57
Messaggi: 5444
Berlo: "Dell'Utri incandidabile".
Due ore dopo Dell'Utri: "Sarò candidato, nessun problema".

_________________
RI-ImmagineO NO?


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 315 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 17, 18, 19, 20, 21

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)