La Torre della Rosa d'Argento

ddd. devil & daimon 's dream
Oggi è 15/08/2020 - 06:18

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]



Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Il bivio
MessaggioInviato: 05/07/2011 - 08:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/06/2011 - 15:31
Messaggi: 52
L'altro giorno mi sono svegliato con una voglia strana, tornare a visitare la colonia dove mi avevano mandato i miei genitori da bambino, e dove per un mese ho passato momenti bellissimi che ancora oggi mi ritornano alla mente.
Vincendo la pigrizia che mi porto dietro da quando sono diventato adulto, mi sono lavato e vestito quindi ho preso le chiavi della macchina e sono partito.
Ho seguito la strada di montagna che ricordavo e ad un certo punto, ho trovato un bivio:
"Che faccio ora? Non mi ricordo!".
Scelgo la strada che va a sinistra, non so perché ma scelgo quella, forse la sinistra m’ispira più della destra o per altri motivi che al momento non mi spiego. Alla fine poco importa, ho deciso di andare a sinistra.
Continuo il viaggio nel dubbio di aver preso la decisione giusta, guardo un po' di qua un po' di là ma niente, non c'e' nulla che mi confermi di essere sulla via giusta.
Faccio un’altra quindicina di chilometri, sembra non finire mai. All’improvviso arrivo in un paesetto. Non mi dice niente, non mi ricorda niente, entro deciso nel bar che ha l’entrata sull'unica piazza e prendo un caffè. Chiedo al barista se sa dove si trova la colonia che stavo cercando.
Nel porgermi la tazzina mi dice in piemontese stretto : "Lei ha sbagliato strada, deve tornare indietro e dopo una quindicina di chilometri troverà un bivio, non segua per Torino ma prenda la strada alla sua sinistra, altri due chilometri e troverà la colonia che cerca !".
Accidenti ! Avrei dovuto girare a destra ed invece eccomi qua. Finisco il caffè e riprendo l'auto, per tornare indietro.
Mi ritrovo finalmente davanti allo stesso bivio dell’andata solo che ora so dove devo andare ma mi fermo, penso un attimo, e seguo per Torino.
Alla fine mi sono detto: "Non m’importa di vedere quel posto, mi basta sapere che esiste, che non me lo sono sognato, mi basta sapere che e' vero, che sono stato felice !"

_________________
Dada non ha significato


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Il bivio
MessaggioInviato: 09/07/2011 - 17:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/08/2009 - 00:03
Messaggi: 507
Località: Appesa a un filo di cielo...
Già, forse perché a volte succede che abbiamo quasi il timore di non crederci.
O di essere delusi da un ricordo, può essere?
Dico così perché a me succede, anche se spesso non sono rimasta delusa affatto.
Ma altrettanto spesso...sì.

Era + bello il ricordo dell'oggetto in sé (oggetto inteso come situazione, periodo, etc) che non l'oggetto stesso.
Non posso immedesimarmi completamente in questa storia, per il semplice fatto che, accipicchia a me, in colonia ero sempre infelice :?
Non ci volevo andare e mi ci mandavano cmq. Terribile.

Però...se penso al campeggio da appena un po' + grande...allora è un'altra storia.
Allora ero felice pure con la rosolìa che avevo preso, da un'amica, appena prima di tornare a casa.
Vabbè...probabilmente lo ero proprio perché 'sta rosolìa aveva avuto il buon senso di arrivare al momento giusto,
senza rovinarmi la vacanza! :D


E' che spesso il bivio spaventa anche se appartiene al passato, non è strano?
E se quel tale ci fosse andato, e avesse trovato profumi e luoghi diversi, cambiàti...che ne sarebbe stato di tutto il suo ricordo?
Sarebbe forse diventato un rimpianto, per così dire, e ne avrebbe sofferto.

Che coi ricordi non c'è mica tanto da scherzare :?
son come una colonia di minuscole formichine, laboriosissime, instancabili.
Tutto funziona finché ognuna rispetta e fa bene il proprio compito.
Ma se una sola deraglia all'improvviso...si scatena una guerra, si sa che le formiche possono anche farsela tra di loro :(

Al che è un bel guaio, quindi direi che quel tale è stato saggio, da un certo punto di vista.
Anche se penso che a volte è pure bello mettersi un po' alla prova, mettersi in gioco, qualunque sia il motivo che spinge in direzione opposta, quindi non verso il passato, in questo caso.
Perché vien voglia di superare noi stessi, in un certo senso.
E inoltre, nel caso ci fosse andato alla vecchia colonia...e dando ora per scontato il fatto che fosse riuscito a ritrovarvi la stessa identica atmosfera di un tempo...a quel punto il suo bel ricordo sarebbe rimasto intatto, giusto?
E allora mi chiedo: perché accontentarsi?
Non sarebbe un po' come accontentarsi di un sogno?
Che sì, i sogni son bellissimi, ma lo scòpo di averli è anche quello di realizzarli, credo :roll:
O si sogna solo per il gusto di sognare e basta?

Non sono riuscita a scrivere qualcosa di + intelligente, scusa :?
e nel contempo non potevo trattenermi dal lasciare qualcosa, un papiro confusionario in pratica :oops:

_________________
"Ma il cielo non programma le sue nuvole,
ha appuntamento fisso soltanto con le stelle".
(Sevi/stormy) ❣


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Il bivio
MessaggioInviato: 09/07/2011 - 20:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/08/2008 - 08:54
Messaggi: 8622
Località: Provvisoriamente definitiva: la terra di Arlecchino e dei Tasso
Che belle ... penne! Tutto da leggere e fa gustare :)

Complimenti di cuore.

_________________
Il cielo è come i numeri, non finisce mai.
(EmmaE detta Emmina)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Il bivio
MessaggioInviato: 11/07/2011 - 15:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/06/2011 - 15:31
Messaggi: 52
Stormy weather ha scritto:

E' che spesso il bivio spaventa anche se appartiene al passato, non è strano?
E se quel tale ci fosse andato, e avesse trovato profumi e luoghi diversi, cambiàti...che ne sarebbe stato di tutto il suo ricordo?
Sarebbe forse diventato un rimpianto, per così dire, e ne avrebbe sofferto.

Che coi ricordi non c'è mica tanto da scherzare :?




Hai detto tutto qui :) Chiunque abbia amori antichi mai sopiti, potrebbe guarire. Ma se si lasciano nella scatole rimarranno amori antichi mai sopiti, alcuni di loro sono una bottiglia d'acqua messa in frizer.

_________________
Dada non ha significato


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: groove
MessaggioInviato: 10/08/2011 - 06:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 06/10/2008 - 21:45
Messaggi: 2063
Località: la scala che sale al centro
spesso quello che ti dicono prescinde dalle storie, per così dire a temperatura ambiente, ti fa venire voglia di non scriverne più ( neppure titoli ) pur avendone una
una persona molto cara, più che un'amica, mi dice che se lei non capisce è inutile e nocivo a lei persino, che le scriva tvb
quindi ora so questa sulla contemporaneità :!:
con quella parola del titolo gli inglesi intendono bivio giusto, solco, modo di fare, succo di storie maturate in un posto e contemporanee ad alcuni perchè appunto tutte le tracce e rotaie sono insieme, accanto, impastate

_________________
sì qualità, la qualità delle abitudini


Ultima modifica di piuma n.5 il 10/08/2011 - 11:13, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Il bivio
MessaggioInviato: 10/08/2011 - 06:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 25/09/2008 - 16:03
Messaggi: 2197
Località: la Grotta di Nereo
LA STRADA NON PRESA

Divergevano due strade in un bosco
Ingiallito, e spiacente di non poterle fare
Entrambe essendo un solo, a lungo mi fermai
Una di esse finchè potevo scrutando
Là dove in mezzo agli arbusti svoltava.

Poi, presi l’altra, che era buona ugualmente
E aveva forse i titoli migliori
Perché era erbosa e poco segnata sembrava;
Benchè, in fondo, il passare della gente
Le avesse davvero segnate più o meno lo stesso,

Perché nessuna in quella mattina mostrava
Sui fili d’erba l’impronta nera d’un passo.
Oh, quell’altra lasciavo a un altro giorno !
Pure, sapendo bene che strada porta a strada,
Dubitavo se mai sarei tornato.

Questa storia racconterò con un sospiro
Chissà dove tra molto tempo:
Divergevano due strade in un bosco, e io…..
Io presi la meno battuta,
E di qui tutta la differenza è venuta.

Robert Frost

_________________
* * *
“Nobody dies a virgin... Life fucks us all.” (Kurt Cobain)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Il bivio
MessaggioInviato: 10/08/2011 - 07:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/08/2008 - 08:54
Messaggi: 8622
Località: Provvisoriamente definitiva: la terra di Arlecchino e dei Tasso
...bella :)
...certo la "meno battuta" è anche la "meno" facile!

_________________
Il cielo è come i numeri, non finisce mai.
(EmmaE detta Emmina)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: dal bivio
MessaggioInviato: 10/08/2011 - 11:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 06/10/2008 - 21:45
Messaggi: 2063
Località: la scala che sale al centro
io non ci ho pensato neppure un minuto
per questo sono qui
non fermo, non ancora
è come se vedessi dall'alto, mi dà quel senso di vittoria, ma per fortuna l'erba alta, e mai calpestata da alcuno, occulta e confonde me, che potevo alzarmi e guardare, come fece Hilbert
dall'altra parte, da quel lato che si apre senza parti e con tante tante strade è mai all'opposto :)

_________________
sì qualità, la qualità delle abitudini


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)