La Torre della Rosa d'Argento

ddd. devil & daimon 's dream
Oggi è 06/08/2020 - 07:57

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]



Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 15/06/2013 - 03:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/12/2008 - 14:57
Messaggi: 5444
La matematica ci riprova: "Ecco perché Dio esiste"
Un manoscritto di settanta pagine firmato da Harvey Friedman perfeziona l'opera di Gödel ed entra in lizza per i grandi premi in questo campo. Lo studioso ha lavorato sulla nozione di "consistenza". Proseguendo un percorso iniziato mille anni fa da Anselmo d'Aosta, con la sua dimostrazione ontologica
di PIERGIORGIO ODIFREDDI



"DIO ESISTE, perché la matematica non è contraddittoria. E il diavolo esiste, perché non possiamo dimostrarlo", diceva il grande matematico André Weil. Ora un manoscritto di 70 pagine, datato 25 dicembre 2012 e intitolato Una dimostrazione divina della consistenza della matematica, prova una delle ossessioni della storia della logica. Mostra infatti nei dettagli come, partendo dall'ipotesi dell'esistenza di Dio, si può dimostrare che la matematica non è contraddittoria.

Forse, dunque, Dio c'è, ma il diavolo no. L'autore del manoscritto è Harvey Friedman, uno dei logici matematici più famosi, originali e prolifici. Non si tratta, dunque, di un crackpot, come molti svitati che provano a combinare fra loro teologia e matematica. E non era un crackpot neppure Kurt Gödel, il logico più famoso del Novecento, autore nel 1931 di un teorema sull'impossibilità di dimostrare la consistenza di un sistema matematico all'interno del sistema stesso: teorema che diede appunto a Weil lo spunto per la seconda parte del suo aforisma. E fu lo stesso Gödel a dimostrare nel 1941, e in una forma rimaneggiata nel 1970, un teorema sull'esistenza di Dio, che ha ora dato lo spunto alla dimostrazione di consistenza di Friedman relativa alla prima parte dell'aforisma.

_________________
RI-ImmagineO NO?


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/06/2013 - 03:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
Che bisogno ha di dimostrare che Dio esiste e il diavolo no?
Con la matematica, poi!
Con tutti gli allucinogeni che ci sono in giro, perchè fare tanta fatica?
Non cerchi Dio dove Dio non può essere: nella scienza.
Per tagliare il pane ci vuole il coltello, per vedere Dio una mente bacata.
Se proprio vuole incontrarlo, i malati di mente, i visionari, i pazzi, sono la via maestra per questo genere di ricerche. I preti no, quelli ragionano bene e sfruttano la credulità dei deboli di mente per vivere sontuosamente sulle loro spalle, sin dalla preistoria.

Vada a Medjugorje, con Brosio come guida, poi a Santiago di Compostela, poi a Lourdes, a Loreto, a Pietralcina, a Fatima... ce ne sono di santuari dove affogare quell'intelligenza precaria che questi pseudo-scienziati si ritrovano.
Comprino una o più madonnine e piangano con loro lacrime di sangue.
Vadano in TV a dare i numeri per vincere al lotto.
Per far riprendere loro qualche barlume di lucidità, prescriverei, come faceva Mao, di andare nei campi a zappare e poi a mietere.
Quando la mente sbarella, una buona dose di fatica fisica e di sudore è quello che ci vuole.
Zappare, zappare, zappare, una cura che consiglierei a molti intellettuali; subito dopo la laurea, tanto per acquisire coscienza del mondo.
Un "master" dal contadino e dal mungitore indiano, per spurgarsi di un bel po' di cose inutili che hanno appreso da professori incartapecoriti.
Anche il Vate lo raccomandava:

Settembre, andiamo. E' tempo di migrare.
Ora in terra d'Abruzzi i miei pastori
lascian gli stazzi e vanno verso il mare:
scendono all'Adriatico selvaggio
che verde è come i pascoli dei monti.

Han bevuto profondamente ai fonti
alpestri, che sapor d'acqua natía
rimanga ne' cuori esuli a conforto,
che lungo illuda la lor sete in via.
Rinnovato hanno verga d'avellano.

E vanno pel tratturo antico al piano,
quasi per un erbal fiume silente,
su le vestigia degli antichi padri.
O voce di colui che primamente
conosce il tremolar della marina!

Ora lungh'esso il litoral cammina
la greggia. Senza mutamento è l'aria.
il sole imbionda sì la viva lana
che quasi dalla sabbia non divaria.
Isciacquío, calpestío, dolci romori.

Ah perché non son io cò miei pastori?

Gabriele D'Annunzio
Alcyone - Sogni di terre lontane
I Pastori


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 21/06/2013 - 07:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 03/10/2008 - 12:06
Messaggi: 154
Località: S. Giorgio di Nogaro UD
Ah perché non son io cò miei pastori?

Perchè avrebbe (appunto) fatto troppa fatica.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 07/08/2013 - 18:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/12/2009 - 00:41
Messaggi: 1015
Quando la matematica si mette a fare filosofia, sbarella, perchè non è il suo campo: la matematica, come ogni altra scienza, si deve costantemente confrontare con le leggi concrete, dure, della natura.
La matematica non nasce come scienza in se ma come applicazione tesa a risolvere problemi pratici, o anche teorici ma agganciati alla realtà.
Le divagazioni citate da IF non sono applicazioni scientifiche ma uso improprio della matematica, come usare un coltellaccio da cucina per affettare formichine (scusa Zot) o per togliersi le caccole dal naso passando per l'orecchio.
Questa gente che si cimenta nella soluzione di problemi con strumenti impropri li radierei: non sono più scienziati ma peracottari o cadarostari o, al limite dei mancati preti.
Vadano in seminario.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)