La Torre della Rosa d'Argento

ddd. devil & daimon 's dream
Oggi è 11/08/2020 - 11:05

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]



Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: caro filosofo ti scrivo...
MessaggioInviato: 01/10/2009 - 08:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/11/2008 - 15:11
Messaggi: 2263
propongo di postare in questo thread tutte le idee, le domande, le opinioni, le osservazioni, i dubbi che vi vengono riguardo ad un determinato filosofo o ad una corrente filosofica...


che ne dite? :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/10/2009 - 08:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/11/2008 - 15:11
Messaggi: 2263
inizio :


Caro Comte, mi piace molto il positivismo, col suo rigore per le scienze e la considerazione di tutte le branche della conoscenza umana... solo che visti i risultati del progresso scientifico, in direzione solo di alcuni aspetti economici della nostra società, non credi che siamo arrivati un pò al limite estremo della tua teoria?


Distinti saluti .

Cata


:D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/10/2009 - 08:50 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 02/12/2008 - 16:21
Messaggi: 32882
Località: La Torre della Rosa d'Argento
Caro Platone,

hai scritto molte cose davvero belle, e interessanti, ma ne avessi azzeccata una che è una, ahò?!
Manco pe' sbajo!!

Cordialità,

Il demone-signor-so-tutto


:P

_________________
ImmagineImmagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/10/2009 - 08:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/11/2008 - 15:11
Messaggi: 2263
martin ha scritto:
Caro Platone,

hai scritto molte cose davvero belle, e interessanti, ma ne avessi azzeccata una che è una, ahò?!
Manco pe' sbajo!!

Cordialità,

Il demone-signor-so-tutto


:P



:lol: :lol: :lol:

fantastico... e un pò vero 8) :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: caro filosofo ti scrivo...
MessaggioInviato: 28/03/2010 - 13:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/01/2010 - 20:55
Messaggi: 610
uuuuh, forte! vediamo... mmh.. ah.


Caro Tommaso d'Aquino,
a volte penso alle tue dimostrazioni dell'esistenza di Dio e, pur rifiutandole, devo riconoscere che in fondo tu hai colto un elemento proprio della fede in sé: chiamiamo "Dio" ciò che non si conosce. E' paradossale, visto che tu parli proprio della conoscenza di Dio raggiungibile razionalmente; ma risalire di causa in causa porta sempre ad un punto in cui tutto diventa teorico, ipotetico, come una porta dietro una porta dietro un'altra porta che è seguita da altre porte... non sappiamo se le porte siano infinite, se e quando apriremo l'ultima porta cosa troveremo dietro, ma ad un punto in cui non riusciamo più ad andare avanti possiamo riposarci l'intelletto postulando quella causa prima, fonte di tutti i sistemi esistenti e giustificazione (più che mai) razionale di un mondo troppo più grande di noi.

Arrivederci e grazie,

Ottobre

_________________
Necessario fortiter in re, suaviter in modo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: caro filosofo ti scrivo...
MessaggioInviato: 30/03/2010 - 19:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11/11/2008 - 15:11
Messaggi: 2263
Ottobre ha scritto:
uuuuh, forte! vediamo... mmh.. ah.


Caro Tommaso d'Aquino,
a volte penso alle tue dimostrazioni dell'esistenza di Dio e, pur rifiutandole, devo riconoscere che in fondo tu hai colto un elemento proprio della fede in sé: chiamiamo "Dio" ciò che non si conosce. E' paradossale, visto che tu parli proprio della conoscenza di Dio raggiungibile razionalmente; ma risalire di causa in causa porta sempre ad un punto in cui tutto diventa teorico, ipotetico, come una porta dietro una porta dietro un'altra porta che è seguita da altre porte... non sappiamo se le porte siano infinite, se e quando apriremo l'ultima porta cosa troveremo dietro, ma ad un punto in cui non riusciamo più ad andare avanti possiamo riposarci l'intelletto postulando quella causa prima, fonte di tutti i sistemi esistenti e giustificazione (più che mai) razionale di un mondo troppo più grande di noi.

Arrivederci e grazie,

Ottobre



:lol:

prova ad immaginare la faccia del povero tommaso!

cmq ott sei proprio kantiano... questo dio come postulato della ragione me piace :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: caro filosofo ti scrivo...
MessaggioInviato: 02/12/2012 - 14:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/01/2010 - 20:55
Messaggi: 610
Caro Martin Heidegger,

posto che tradizionalisti e conservatori di varia estrazione forniscono sempre spunti interessanti (sbagliando poi nelle conclusioni), perché dobbiamo sempre rifarci a TE per criticare la modernità? La Scuola di Francoforte, pur apparendo superata per molti versi, resta comunque più attuale, approfondita e persino progressista, nonostante il pessimismo di fondo, nelle analisi del mondo moderno. Tecnica, capitalismo e controllo sociale non si possono semplicemente spazzare via con aristocratico snobismo, rimpiangendo un passato mai esistito di fatto, o credere sempre e incondizionatamente che l’alienazione umana sia il sintomo del nulla in cui tutto cade man mano che progredisce.
Naturalmente non sto dicendo di abbandonarti, ma anche la tua critica alla tecnica è oggi superata, pur conservando un nucleo senza tempo in merito all’esistenza umana (in poche parole: non è tanto la tecnica in quanto tecnologia ad essere deleteria, bensì la tecnica come impostazione culturale, che riduce l’essere umano a elemento di utilità, contingente e perciò inautentico - sempre che abbia capito qualcosa del guazzabuglio dei tuoi pensieri). Il punto dovrebbe essere: ricercare quanto di ancora valido si presenti nelle teorie filosofiche rispetto alla critica della modernità, essendo questa contemporaneamente il punto più alto e più basso della storia umana in un costante movimento oscillatorio tra i due estremi, pervenendo così a una sorta di armonia tra opposti. E, dunque, tentare di riequilibrarla verso l’alto, avendo coscienza dell’inarrestabilità del movimento.

Arrivederci e grazie,

Ottobre

_________________
Necessario fortiter in re, suaviter in modo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: crossfire
MessaggioInviato: 06/12/2012 - 11:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 06/10/2008 - 21:45
Messaggi: 2063
Località: la scala che sale al centro
egregio Marx anche se il passare del tempo tende a perpetrarle, le ingiustizie si curano da sé

_________________
sì qualità, la qualità delle abitudini


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: caro filosofo ti scrivo...
MessaggioInviato: 06/12/2012 - 18:59 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/05/2009 - 22:03
Messaggi: 22638
Ottobre ha scritto:
Caro Martin Heidegger,

posto che tradizionalisti e conservatori di varia estrazione forniscono sempre spunti interessanti (sbagliando poi nelle conclusioni), perché dobbiamo sempre rifarci a TE per criticare la modernità? La Scuola di Francoforte, pur apparendo superata per molti versi, resta comunque più attuale, approfondita e persino progressista, nonostante il pessimismo di fondo, nelle analisi del mondo moderno. Tecnica, capitalismo e controllo sociale non si possono semplicemente spazzare via con aristocratico snobismo, rimpiangendo un passato mai esistito di fatto, o credere sempre e incondizionatamente che l’alienazione umana sia il sintomo del nulla in cui tutto cade man mano che progredisce.
Naturalmente non sto dicendo di abbandonarti, ma anche la tua critica alla tecnica è oggi superata, pur conservando un nucleo senza tempo in merito all’esistenza umana (in poche parole: non è tanto la tecnica in quanto tecnologia ad essere deleteria, bensì la tecnica come impostazione culturale, che riduce l’essere umano a elemento di utilità, contingente e perciò inautentico - sempre che abbia capito qualcosa del guazzabuglio dei tuoi pensieri). Il punto dovrebbe essere: ricercare quanto di ancora valido si presenti nelle teorie filosofiche rispetto alla critica della modernità, essendo questa contemporaneamente il punto più alto e più basso della storia umana in un costante movimento oscillatorio tra i due estremi, pervenendo così a una sorta di armonia tra opposti. E, dunque, tentare di riequilibrarla verso l’alto, avendo coscienza dell’inarrestabilità del movimento.

Arrivederci e grazie,

Ottobre




mi associo, per il poco che so.
ora parla, Martin! 8)

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)